Wise Society : Sos lavoro da casa: il nostro “manifesto” per renderlo “smart”!
SPECIALE : Tutte le news sul Coronavirus
ARTICOLI Vedi tutti >>

Sos lavoro da casa: il nostro “manifesto” per renderlo “smart”!

In queste settimane di lockdown sono arrivati in redazione diversi messaggi di lettori stremati dallo smart working. Più che comprensibile. Ecco il vademecum per sopravvivere...

La Redazione
22 Aprile 2020

In queste settimane di lockdown per il Coronavirus l’Italia sta sperimentando una sorta di prova generale sulle sue capacità digitali e di fare smart working, ambiti in cui oggettivamente siamo un po’ indietro, con differenze piuttosto marcate da regione a regione, rispetto ad altri paesi europei, anche a causa di una minore capillarità della banda larga ultraveloce, oltre che per un modello organizzativo aziendale non sempre all’altezza.

Ecco allora che per molti il lavoro da casa forzato dalla quarantena – almeno a giudicare dai messaggi arrivati in redazione dai lettori – si sta trasformando in un vero e proprio incubo, più che in un’occasione (come forse, almeno all’inizio, da molti sperato) per rallentare un po’ i ritmi lavorativi e, tagliando anche sui tempi di andata e ritorno dal luogo di lavoro, dedicarsi magari anche a qualche passione che prima non si riusciva a coltivare.

Per molti una vera mission impossible, dovendo combattere con i limiti dell’italica tecnologia e con un’attitudine non proprio invidiabile da parte di parecchi enti ed aziende nel gestire risorse, relazioni professionali e processi lavorativi da remoto. Senza contare il fatto di doversi occupare contemporaneamente, oltre che delle incombenze lavorative, anche della casa e di figli, mariti e fidanzati, animali piccoli e grandi, tutti appassionatamente chiusi h24 sotto lo stesso tetto.

Una situazione che, se non ci si dà un metodo, separando i vari momenti della giornata, quelli lavorativi da quelli dedicati alla famiglia, alle faccende domestiche o al relax, rischia di risucchiarci in un unico, indistinto vortice in grado di prosciugare tutte le nostre energie fisiche e mentali.

Il “manifesto” di Wise Society per un lavoro agile davvero “smart”

Per evitare, dunque, che lockdown e smart working si trasformino in un autentico incubo capace di accrescere ulteriormente il già diffuso alto livello di stress pre-pandemia, Wise Society ha stilato un suo “manifesto” che può aiutare a vivere in maniera più saggia, “wise”, lo smart working. Un vademecum di buone pratiche con qualche regola di buonsenso e qualche consiglio utile dei nostri esperti affinché il lockdown sia davvero “smart” e si trasformi in qualcosa di costruttivo per tutti.

yoga stress spazi ergonomici social network smart working risparmio energetico quarantena mindfulness lockdown giardinaggio cucina circolare cucina antispreso corsi online coronavirus autoproduzione

Il nostro smart working ideale…

Leggi qui, nel dettaglio, i consigli pratici per non… implodere:

 

1. Organise your time: pianifica la tua giornata!

Impegnati a separare i vari momenti della giornata: lavoro, pasti, relax, faccende domestiche, per non finire nel tritacarne di un unico, indistinto tempo che appiattisce tutto, anche il tuo cervello!
Non farti prendere dal vortice di social, email, videocall e dall’ansia di dover rispondere in tempo reale a tutto. Impara a stabilirne le priorità e inizia col fissare a tavolino – magari costruendo anche un bel cartello da appendere in casa, visibile a tutti – tempi e spazi da preservare per ciascuno (dividendo le stanze, i tavoli, i pc con cui si lavora/studia e gli orari in cui ognuno ha diritto a non essere disturbato). Se hai figli può essere molto utile creare una sorta di “carnet” con tutte le possibili attività da fare per rendere la quotidianità funzionale e non noiosa. E non dimenticarti mai di giocare con loro!

2. Don’t panic: impara a respirare!

Scegli la tua playlist musicale preferita, segui i consigli dei nostri coach per liberare la mente e pensare positivo. Ritagliati dei momenti solo tuoi durante la giornata per dedicarti alla mindfulness o fare magari un po’ di yoga.

3. Think green: vivi eco!

Mangia sano e prova a scoprire nuove cucine o approcci alimentari. Testa le ricette antispreco della cucina circolare, impara a non buttare via niente e a riutilizzare anche gli avanzi.
Dedicati, anche solo sul tuo balcone, al giardinaggio o coltiva un piccolo orto. La terra sa dare grandi soddisfazioni, è utile a far capire ai tuoi figli il ciclo della vita e fa bene alla mente.
Presta attenzione al risparmio energetico e dell’acqua e, a tal proposito e per il tuo benessere, organizza  al meglio gli spazi. Qualche esempio? Posiziona la tua postazione (ergonomica) di lavoro vicino a una fonte di luce naturale e così via.

4. Home made is better: usa le tue mani!

Usare le mani libera la mente. Datti all’autoproduzione con l’aiuto anche dei blog più adatti a te: pane, pizza, dolci e pasta sicuramente, ma anche oggetti o tutto ciò che ti fa star bene.

work & play

Foto: Antonio Gabola / Unsplash

5. Improve yourself: esprimi il tuo talento!

Rallenta e goditi il presente al meglio delle tue possibilità. Informati, ma senza andare in overloading. Stabilisci tempi precisi per giornali e tg!
Ingegnati per approfittare di questa “pausa” per fare qualcuna delle cose che tenevi da tempo nel cassetto: migliorare il tuo inglese, apprendere qualcosa di nuovo e di utile spendibile poi, magari anche a livello professionale, alla fine della quarantena. Per corsi online e webinar c’è davvero l’imbarazzo della scelta!

6. Be active: mantieniti in forma!

Non farti prendere dalla pigrizia, anche se non puoi andare al parco o in palestra, puoi fare moto anche a casa! Allenamenti cardio per sciogliere le tensioni e allontanare le paure: dalla corsa (anche sul posto) agli allenamenti di potenziamento muscolare. Basta un tappetino, un elastico o qualche peso (anche home made) e il gioco è fatto!

7. Be beautiful: anche l’occhio vuole la sua parte!

Non lasciarti andare. Lavorare in pigiama dà le sue soddisfazioni, ma prenditi cura di te e non dimenticarti mai di coltivare il rapporto di coppia. Il lockdown può rafforzare o affossare il rapporto a due, dipende da te! Riscoprite insieme qualche passione comune. Dicevate da anni di voler imparare il tango? Perché, dunque, non cominciare adesso con un bel corso online?
Nutriti di bellezza, il web offre tantissimo: visite virtuali ai musei e alle bellezze del nostro Paese, libri da scaricare gratuitamente e molto altro.

8. Be social: dai valore alle tue idee!

Partecipa alle discussioni (virtuali) che offrono spunti per dar vita al mondo che vorresti. Pianifica ora, realizza domani.
Usa social e App che consentono di fare giochi di società a distanza, guardare con gli amici un film, fare un aperitivo collettivo tramite gli strumenti di videocall o semplicemente prenderti cura del tuo rapporto di coppia a distanza.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11456 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32853 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33439 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33438 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33441 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 266 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33321 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27247 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26940 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24483 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1183 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33440 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 447 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 484
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY