Wise Society : È in arrivo l’hamburger artificiale
ARTICOLI Vedi tutti >>

È in arrivo l’hamburger artificiale

La carne prodotta in laboratorio da cellule staminali di bovino è quasi una realtà, frutto di un esperimento dell'Università di Maastricht. E in autunno il primo hamburger artificiale arriverà sui tavoli di un noto ristorante inglese. A prezzo salato e tra molte polemiche

Francesca Tozzi
22 febbraio 2012

Foto di su-lin/flickrLa novità arriva dall’Olanda dove l’esperimento è stato portato avanti dal fisiologo dell’Università di Maastricht Mark Post che ha avuto l’idea di prelevare dai bovini alcune cellule staminali e di tentare di riprodurle in laboratorio. È così riuscito a ricavare dalle cellule, lasciate a riposare in provetta immerse in un liquido ricco di nutrienti, piccoli pezzi di muscolo di circa 2 centimetri di lunghezza. Grazie all’efficienza del suo gruppo di ricerca e al sostegno di un finanziatore anonimo, l’esperimento è andato avanti a passi da gigante. Siamo solo all’inizio: i centimetri di tessuto ottenuti con la riproduzione in provetta non somigliano molto alla carne perché non hanno sangue né grasso, quindi bisognerà aggiungerli artificialmente e andare poi a lavorare sul gusto del prodotto così ottenuto. Carne artificiale che ha di naturale solo le cellule da cui trae origine.

Sembra fantascienza ma è realtà. La polpetta artificiale è quasi pronta per essere lanciata sul mercato alimentare: il debutto è previsto per questo autunno e sarà in grande stile. L’annuncio del suo arrivo è stato dato dallo stesso Mark Post durante il meeting della American Academy of Arts and Sciences in corso a Vancouver, Canada. Il primo hamburger da laboratorio sarà servito nel ristorante Fat Duck di Berkshire dal noto chef Heston Blumenthal al modico prezzo di 250.000 euro: è questo il costo complessivo del lavoro di ricerca finora portato avanti ma non ancora finito. I costi si abbatteranno una volta ottimizzato il ciclo produttivo. Di certo non si abbatteranno le polemiche destinate a seguire questa new entry.

Buone intenzioni, molte perplessità

Le intenzioni, si diceva, sono buone: evitare la mattanza di milioni di animali, ridare i campi all’agricoltura, usare i cereali per l’alimentazione umana e non per quella del bestiame, contrastare la fame nel mondo e l’inquinamento dell’aria e dell’acqua conseguente all’allevamento. Foto di kenyai/flickr«Le mucche sono bestie molto inefficienti nel convertire la materia vegetale in proteine animali ma la richiesta di carne è destinata a raddoppiare nei prossimi 40 anni mentre attualmente stiamo usando il 70 per cento delle capacità agricole del pianeta per ottenere carne attraverso l’allevamento – ha spiegato Mark Post durante il meeting – Da qui l’idea di cercare un’alternativa in laboratorio. Sfruttando le cellule staminali di ogni capo di bestiame macellato si potrà produrre una quantità di cibo maggiore di un milione di volte rispetto al metodo tradizionale».

Ma all’annuncio sono seguite subito le critiche, anche nel nostro Paese. Nonostante le nobili intenzioni, la produzione di carne dalle staminali animali non convince in primis la Lega Anti Vivisezione che concorda sulla necessitò di trovare una valida alternativa alla carne ma che individua questa alternativa nelle proteine vegetali fornite dalla dieta vegetariana. Una soluzione migliore sia dal punto di vista ambientale sia da quello etico anche perché non si conoscono le possibili ripercussioni a breve e lungo termine sulla salute del consumo di carne artificiale. Niente hamburger in provetta anche per Coldiretti che ricorda come l’agroalimentare italiano abbia bisogno di difendersi da modelli alimentari fondati sulla standardizzazione e sull’omologazione che le bistecche artificiali andrebbero a promuovere. Così come stanno già facendo gli Ogm.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a È in arrivo l’hamburger artificiale

  1. Giorgio Cerrigone

    Credo sia un ottimo lavoro quello di divulgare notizie e scoperte di questo genere in maniera tale
    che il lettore/consumatore possa riflettere e scegliere se introdurre nel proprio corpo alimenti
    benefici sperimentati nel corso di millenni o “ cacciar giù “ pseudoalimenti , costruiti in laboratorio,
    che il corpo umano farà fatica a riconoscere e di cui, prima o poi, presenterà il conto da pagare!
    E mi sembra che questo articolo illustri molto bene le tematiche in gioco.
    Quando l’illustre fisiologo Sig. Mark Post dice che la richiesta di carne è in crescente aumento
    bisognerebbe , a mio parere, dirgli che ,al mercato, si potrebbe rispondere con una adeguata
    informazione/educazione alimentare rivolta a combinare i vari alimenti vegetali sostitutivi della
    carne ( informazioni ben note ma sottovalutate o ignorate ) : la mattanza degli animali e
    l’antieconomico sfruttamento dell’agricoltura verrebbero comunque evitati.
    Ben vengano le novità, il vero progresso, ma non il progresso / regresso che serve a far divertire
    qualche studioso e a nutrire le tasche di un finanziatore anonimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 327 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9761 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6547 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 399 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1197 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9760 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9762 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9759 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 314 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6531 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6532
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY