Wise Society : Giornata della Terra 2022: l’Earth Day e la call per salvare il pianeta

Giornata della Terra 2022: l’Earth Day e la call per salvare il pianeta

di Serena Fogli
20 Aprile 2022

Si chiama Giornata della Terra o, per dirla all’inglese, Earth Day: si celebra ogni anno il 22 aprile col fine di sensibilizzare l’opinione pubblica alla salvaguardia del nostro pianeta, facendo riflettere singoli e istituzioni sull’impatto che le azioni umane hanno sull’ambiente. Benché l’attenzione alle tematiche ambientali sia cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, la storia della Giornata della Terra, in realtà, non è recente. E allora andiamo subito a scoprire le sue origini, i suoi lodevoli obiettivi e le iniziative di quest’anno, con le quali ognuno di noi può far sentire la sua voce.

Earth Day, giornata della terra

Immagine Shutterstock

Giornata della Terra: la storia dell’Earth Day

Greta Thunberg e gli scioperi sul clima, Fridays for Future e il costante impegno di Greenpeace: in questi ultimi anni il movimento ambientalista si sta facendo sentire a gran voce e, sempre più spesso, è in grado di raggiungere i canali istituzionali dell’informazione e i piani alti del potere decisionale. Eppure ecologia e salvaguardia dell’ambiente non sono tematiche nuove, e la Giornata della Terra ne è la prova.

Per scoprire le origini dell’Earth Day, infatti, bisogna tornare indietro di parecchi anni e fermarsi nel 1969: fu a una conferenza dell’Unesco a San Francisco che l’attivista per la pace John McConnel propose di istituire una giornata dedicata alla Terra, volta a proteggere l’ambiente e le risorse naturali. L’idea fu ripresa l’anno seguente e, fortemente voluta dal senatore Gaylord Nelson, fu ratificata dalle Nazioni Unite per poi essere celebrata per la prima volta il 22 aprile 1970: a scendere in piazza quell’anno furono oltre 20mila cittadini americani. Si trattò di una partecipazione straordinaria per l’epoca, quando la protezione ambientale non era assolutamente una priorità nell’agenda politica governativa.

Perché celebrare l’Earth Day

Dal quel 22 aprile 1970, la Giornata della Terra ha fatto molta strada: nel 1990 è diventata un’iniziativa globale oggi sono più di 190 i paesi che prendono parte alle celebrazioni annuali. Nel 2020 l’iniziativa ha compiuto 50 anni: un traguardo importante, nonché un anniversario particolare, durante il quale la natura ha chiesto a gran voce il nostro aiuto. Dagli incendi in Amazzonia a quelli in Australia, dall’invasione delle locuste in Africa all’emergenza sanitaria causata alla pandemia del Coronavirus, tutti gli ecosistemi soffrono e la tregua delle emissioni inquinanti causata dallo stop produttivo mondiale è stata solo temporanea.

Oggi la lotta diventa più urgente, perché le conseguenze della crisi climatica sono davanti agli occhi di tutti. La Giornata della Terra vuole essere un monito ai singoli cittadini ma, soprattutto, alle politiche globali che, dagli accordi di Parigi alla Cop di Glasgow, non hanno fatto molti passi in avanti in quanto a progresso sostenibile.

earth day

Photo by Photo Boards on Unsplash

Gli obiettivi della Giornata Della Terra

L’obiettivo principale dell’Earth Day è quello di sensibilizzare cittadini, istituzioni e governi alla tutela dell’ambiente: il pianeta che abbiamo a disposizione è uno ed è compito di tutti tutelarlo e rispettarlo. Il 22 aprile di ogni anno la Giornata della Terra pone la sua attenzione su un focus diverso col fine di dar vita al più grande movimento di salvaguardia ambientale del pianeta. L’obiettivo, in fondo, è solo uno: generare il cambiamento che la Terra necessita per sopravvivere.

Scopo dell’Earth Day è coinvolgere tutti, anche i singoli cittadini che – insieme – devono prendere coscienza del proprio potere in quanto consumatori, persone votanti e membri di una comunità che chiede a gran voce un’inversione di rotta. Tutti siamo importanti: la lotta per la tutela dell’ambiente ci insegna che ognuno di noi ha potere e voce in capitolo. Quando più voci si uniscono, è più facile dar vita a un eco che si congiunge a milioni di altre voci e azioni che, insieme, possono creare il cambiamento di cui noi tutti abbiamo bisogno.

Invest in our planet: slogan della giornata della terra 2022

Foto EarthDay

Giornata della Terra 2022: le iniziative e il tema dell’anno

Questo è l’ultimo vero momento che abbiamo a disposizione per cambiare davvero il corso degli eventi, tutti insieme. Un futuro più verde, in fondo, porta prosperità non solo al Pianeta, ma anche a tutte le creature (esseri umani compresi) che lo abitano.

Come si legge sul sito dell’iniziativa, “dobbiamo agire (coraggiosamente), innovare (ampiamente) e implementare (equamente)“. E tutti sono chiamati a fare la propria parte per dar vita a quella giustizia climatica chiesta a gran voce dagli attivisti in tutto il mondo.

Inutile dire che sono davvero molte le iniziative legate alla Giornata della Terra 2022 che si costruiranno intorno a questa tematica. Quest’anno tornano anche gli eventi in presenza, benché non manchino neanche le iniziative online e fruibili da tutto il territorio nazionale. Le opzioni a disposizione sono davvero molte e ognuno di noi potrà trovare il modo perfetto per informarsi e accumulare sensibilità ambientale per scoprire come prendersi cura del pianeta in modo attivo.

One People One Planet

L’iniziativa italiana più importante è sicuramente #OnePeoleOnePlanet, la maratona multimediale prodotta da Earth Day Italia che – ormai giunta alla sua terza edizione, darà vita a un ricchissimo palinsesto straming su RaiPlay con interviste, incontri con esperti e approfondimenti. La diretta durerà 14 ore, dalle 8.30 alle 22.30 e vedrà anche l’avvicendarsi di contenuti dedicati anche ai più piccoli e ai giovani.  Gli hashtag ufficiali dell’iniziativa, per partecipare attivamente sulle proprie pagine social, sono: #OnePeopleOnePlanet, #OPOP22, #EarthDay2022.

L’iniziativa della IUSS di Pavia

Storie personali, yoga, prospettive internazionali e immagini dallo spazio per mostrare un approccio olistico alla vita sul pianeta. E’ questo l’evento ospitato dalla IUSS di Pavia e organizzato dai dottorandi del Sustainable Development and Climate Change National Program in collaborazione con OnEarth Project. Le istruzioni per accedere all’evento verranno fornite sulla pagina Facebook dell’iniziativa

Il concerto per la Terra diretto da Giovanni Allevi

Sarà ospitato nella Nuvola di Fuksas a Roma e vedrà la direzione di artistica di Giovanni Allevi, che vuole dedicare l’iniziativa alle nuove generazioni. Oltre al suo contributo, lo spettatore assisterà a una staffetta di voci e contribuiti di artisti, attori e scienziati da diverse parti del mondo, pronti a donare una propria testimonianza per il nostro Pianeta. Sarà possibile seguire l’evento in diretta da una delle sale di Notorious Cinemas. Il 40% del ricavato della vendita dei biglietti finanzierà la creazione di un bosco sostenibile a Tuscania.

One World: cartello

Foto di Markus Spiske / Unsplash


Oltre alle iniziative nazionali, saranno tantissimi gli eventi locali a cui ciascuno di noi potrà partecipare attivamente: informatevi presso il vostro comune o le associazioni presenti sul territorio.


Serena Fogli

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: ,
Continua a leggere questo articolo: