Wise Society : Troppi incidenti subacquei per immersioni improvvisate

Troppi incidenti subacquei per immersioni improvvisate

di Francesca Tozzi
9 Luglio 2012

Secondo uno studio presentato allo Scubashow 2012, l'errore umano è ancora la principale causa degli incidenti: l’88% accade durante la prima immersione all’inizio di una vacanza per mancanza di addestramento o di manutenzione all’attrezzatura

Il diving è una passione potenzialmente pericolosa, come dimostrano i frequenti incidenti che coinvolgono sub anche esperti. Non ultimo quello che a Palinuro è costato la vita a quattro persone. Purtroppo il numero di incidenti subacquei che si verificano ogni anno è rimasto pressoché invariato durante gli ultimi 20 anni. E l’errore umano rimane una delle cause principali. Lo evidenzia uno studio sugli incidenti subacquei presentato durante l’ultimo Scubashow, che si è svolto di recente in California. Lo studio, realizzato dal Dan (Divers Alert Network), l’organizzazione che in tutto il mondo fornisce assistenza ai subacquei in difficoltà, ha analizzato i dati relativi a 1.000 incidenti mortali accaduti nel corso del 2011 in tutto il mondo.

È emerso che nella metà dei casi le vittime sono persone di età compresa tra i 40 e i 59 anni, segnale di progressivo invecchiamento della comunità dei subacquei e un motivo in più per essere prudenti. Il 28% degli incidenti è correlato a problemi cardiaci. Questo indica che quasi certamente, prima dell’arresto cardiaco, si sono presentati sintomi che dovevano mettere in allarme il subacqueo. In questi casi per prevenire questi incidenti sarebbe sufficiente dare il giusto peso ai segnali d’allarme, correndo subito ai ripari ed evitando in ogni caso di immergersi.

 L’esperienza dell’immersione fra pesci e coralli attrae persone di tutte le età e li spinge a fare le vacanze in posti dove il diving è lo sport nazionale, per esempio il Mar Rosso. Non è certo un caso quindi che ben l’88% degli incidenti accada durante la prima immersione all’inizio di una vacanza. Secondo lo studio, oltre ai problemi cardiaci, le principali cause riscontrate sono state per il 41% dei casi la mancanza d’aria o miscele, per il 15% l’intrappolamento e per l’11% i problemi all’attrezzatura. Seguono traumi (4%), problemi di assetto e galleggiamento (3%), immersioni con miscele di gas inappropriate durante immersioni tecniche (2%). Spesso quindi è la mancanza di addestramento o di manutenzione all’attrezzatura a essere fatale. Ragion per cui è necessario non abbassare mai la guardia e non sottovalutare mai i rischi che si possono correre anche durante la più semplice delle immersioni.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 519 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 42 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1543 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 373 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3090 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6385 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 71949 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 748 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 872
Correlati in Wise