Edizione 2022
Salus diet test, la dieta del Dna: ecco come funziona | Longevity Forum
Analizzare il proprio Dna diventa fondamentale per capire quali sono gli alimenti che ci fanno bene e quali quelli che, invece, ci fanno male. Vediamo come.

Co.Workshop
by Genesalus (BE HEALTHY!)

 

Non esiste un’alimentazione che vada bene per tutti, perché ogni singolo individuo è diverso dagli altri e ognuno assimila il cibo in modo differente, a seconda dei propri geni. Per questo analizzare il proprio Dna diventa fondamentale per capire quali sono gli alimenti che ci fanno bene e quali quelli che, invece, ci fanno male. A beneficiarne è il nostro benessere generale, spesso inficiato, senza che ne abbiamo piena coscienza, dall’assunzione di alimenti che non arrecano malesseri immediati degni di nota, ma che nel tempo possono creare un’infiammazione di basso grado, causa, alla lunga, di diverse malattie. Alcuni test genetici si rivelano molto efficaci per capire quello di cui il nostro organismo ha bisogno per nutrirsi meglio e rimanere in salute il più a lungo possibile.
Fra questi, il Salus Diet Dna Test, il test genetico che, attraverso l’analisi di alcuni geni aiuta a capire qual è la strategia migliore per una dieta dimagrante veramente efficace e soprattutto sana. Salus Diet Microbiota Test, invece, partendo dall’analisi del microbiota, l’insieme cioè di tutti i microrganismi, compresi i batteri, che popolano il nostro intestino e sono fondamentali per la nostra salute, fornisce elementi utilissimi per impostare in modo personalizzato una vera dieta benessere. Essi, infatti, partecipano attivamente al processo digestivo, all’assimilazione dei nutrienti e alla modulazione del sistema immunitario proteggendoci dai microrganismi patogeni, per cui conoscerli a fondo è uno strumento utilissimo per trovare le strategie alimentari personalizzate più adatte per mantenerci sani e in forma più a lungo nel tempo.

Dr. Giuseppe Mazzola, Biologo nutrizionista, esperto di alimentazione e nutrizione umana

Dr. Matteo Cerboneschi, Dottore di ricerca in biotecnologie, CEO di NEXT Genomics, esperto di genetica, metagenomica ed epigenetica, membro del comitato scientifico della Fondazione Sicuteri Nicolodi