Wise Society : Arredamento casa: perché è bene puntare su materiali naturali
ARTICOLI Vedi tutti >>

Arredamento casa: perché è bene puntare su materiali naturali

Andrea Ballocchi
5 Gennaio 2021

Per l’arredamento della casa non c’è niente di meglio che puntare a scelte e materiali naturali: non è un vezzo, ma un modo per ricreare condizioni per assicurare comfort e benessere domestico. Alla cura della casa, infatti, si lega la cura verso chi la abita.
La cura domestica passa innanzitutto dalla necessità di elevare la qualità dell’aria interna e scegliere un arredamento naturale può essere una valida strategia.  

L’inquinamento indoor oggi è responsabile del 2,7% del carico globale di malattia nel mondo, ricorda il Ministero della Salute riportando dati dell’Organizzazione mondiale della sanità. In Europa esso è causa del 4,6% delle morti per infezioni respiratorie acute nei bambini fino ai 4 anni di età. “Tra le patologie correlate agli edifici, le malattie allergiche respiratorie hanno un grande rilievo per il loro impatto sulla salute e la loro incidenza sta aumentando in tutta Europa”, segnala lo stesso dicastero.
A tutto questo è possibile porre rimedio, mettendo in pratica alcuni accorgimenti.

Progettare una casa con l'arredamento Naturale

Foto di Elena Borisova da Pixabay

Arredamento naturale: si parte dalle pitture ecologiche

Il primo punto da cui partire per un arredamento della casa più naturale possibile riguarda l’involucro. È dai muri, innanzitutto, che si possono mettere le basi per elevare la salute della propria abitazione: per evitare la proliferazione di muffe e batteri e migliorare la qualità dell’aria è bene scegliere di impiegare pitture naturali. Per essere tali, esse non devono rilasciare all’interno degli ambienti sostanze volatili senza alterare la qualità dell’aria, non determinando quindi inquinamento indoor.

Caratteristiche delle pitture naturali

Tali pitture si distinguono per essere a base calce o silicati, di derivazione minerale e se sono colorate deve essere esclusivamente con pigmenti naturali. Sulla confezione deve essere riportata l’indicazione del quantitativo di VOC – Composti organici volatili che deve essere non superiore a 30 grammi / litro, ovvero in quantitativi minimi.

Arredamento naturale: mobili in legno? Sì, ma ecologico! 

Il legno è un materiale utilizzato dall’uomo fin dalle sue origini. Oltre che per l’edilizia, il legno è altrettanto utile anche per gli arredi naturali. “Il legno naturale non si carica elettrostaticamente, assorbe l’umidità in eccesso la dona quando è in difetto e purifica l’ambiente”, ricorda il bio falegname Oliviero Tomasoni, titolare della Bottega del Legno segnalando che le caratteristiche basilari nella produzione di mobili e arredi biologici occorre privilegiare il legno massello (non truciolare o compensato) in quanto privo di formaldeide. L’unico trattamento è sempre con sostanze naturali come cera d’api o con oli specifici.

Arredamento naturale per la casa

Foto di Rudy and Peter Skitterians da Pixabay

Arredare casa in modo naturale: l’importanza di biofilia e feng shui

La cura della casa passa anche dall’attuazione di concezioni e discipline antiche e moderne che guardano al benessere dell’individuo anche all’interno della propria casa. Parliamo di biofilia e Feng Shui.

La biofilia

La biofilia si basa su un’ipotesi scientifica al cui centro c’è l’idea che l’uomo abbia un’innata tendenza a cercare connessioni con la natura. Il termine deriva da due parole greche e si traduce con “l’amore per gli esseri viventi”. Secondo il biologo americano Edward O. Wilson, che spiegò il concetto nella propria opera Biophilia (1984). Il principio fondamentale della biofilia è collegare l’uomo con la natura e, di conseguenza, migliorare il benessere, passando anche dal contesto domestico.

Considerando che oggi, la maggior parte delle persone passa buona parte della propria vita al chiuso e per lo più tra le mura di casa, è divenuto sempre più evidente quanto sia importante portare la natura all’interno delle abitazioni. Come riuscire a farlo? Intanto, sfruttando al meglio la luce naturale; poi è possibile aggiungere del verde sotto forma di piante.
Alcune, tra l’altro, hanno spiccate virtù di purificazione dell’aria indoor: pensiamo a pothos, ficus benjamin, edera. Oltre ad aggiungere elementi naturali, è possibile puntare a utilizzare colori e motivi che si rifanno alla natura: blu (rilassante), verde (rinvigorente), giallo (vitalità).

Il Feng Shui

Molto più antico è il Feng Shui disciplina cinese che studia e indaga il rapporto tra individuo e ambiente, naturale o artificiale, in modo da trovarne il massimo beneficio.
L’attenzione nel feng-shui a molti dettagli è davvero ampia: a partire dalle indicazioni per l’ingresso della casa (il più possibile luminoso e ordinato) e all’attenzione anche in questo caso alla luce naturale. Ci sono alcuni accorgimenti che possono essere ripresi da questa disciplina e che passano innanzitutto dalla necessità di organizzare gli ambienti in modo da creare armonia al suo interno e anche con il contesto esterno.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57958 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57960 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 16385 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57959 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57034 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57013
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY