Wise Society : Test non invasivo subentrerà all’amniocentesi
ARTICOLI Vedi tutti >>

Test non invasivo subentrerà all’amniocentesi

Un semplice esame del sangue potrà rilevare possibili anomalie del feto

da Ansa
29 Giugno 2010

pregnant silhouette, foto di mahalie/flickr

 

Non è lontano il giorno in cui amniocentesi e prelievo dei villi coriali potranno essere abbandonati a vantaggio di semplici e non invasivi esami del sangue per rilevare eventuali anomalie cromosomiche del feto durante la gravidanza. A riferirlo sono stati alcuni ricercatori olandesi alla ventiseiesima assemblea annuale della Società europea di riproduzione umana ed embriologia (Eshre). I ricercatori sperano che il test possa essere reso disponibile nelle cliniche nel giro di 2-5 anni. «Siamo riusciti a utilizzare sonde genetiche e molecolari per rilevare il Dna del feto in campioni di sangue prelevati da donne in gravidanza», spiega Suzanna Frints, genetista clinica del Centro Medico dell’Università. La tecnica utilizzata, l’Mlpa, consente di analizzare il corredo genetico presente nel sangue delle donne incinte da almeno 6-8 settimane e fa parte di un kit utilizzato in tutto il mondo per rilevare anomalie cromosomiche nel liquido amniotico o nei campioni di villi coriali prelevati dalle donne in gravidanza con metodiche più invasive. Il sistema è economico e fornisce risultati in 24-62 ore.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 519 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21997 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 373 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3090 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32853 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57013 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33086 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 748 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57014 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 71184
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY