Wise Society : Nuove speranze contro Aids grazie al nuovo vaccino
ARTICOLI Vedi tutti >>

Nuove speranze contro Aids grazie al nuovo vaccino

Esiti promettenti della sperimentazione del vaccino terapeutico anti-Aids messo a punto dal team italiano del Centro Nazionale Aids dell'Istituto Superiore di Sanità

da DonnaModerna.com
15 Novembre 2010
TOPICS: ,

vaccino ensoli Aids

La ricerca sull’Aids ha fatto un balzo in avanti e il nuovo vaccino ha dato risultati sorprendenti.
Il nuovo farmaco interviene come coadiuvante delle terapie già in uso, migliorando lo stato di salute generale dei pazienti.
La dottoressa Barbara Ensoli, Direttore del Centro Nazionale AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità, a capo del team di ricerca, afferma che il vaccino «migliora la qualità della vita perché anche se le terapie bloccano il virus, non riescono a bloccare una serie di altre disfunzioni che continuano a esserci, da quelle cardiovascolari a quelle cerebrali, fino all’invecchiamento precoce, con gente di 40 anni che ne dimostra 70».
I risultati della analisi sono stati pubblicati sulla rivista PlosOne: i dati delle analisi ad interim della sperimentazione clinica di fase II, dimostrano che, in 87 pazienti trattati, dopo 48 settimane lo stato del sistema immunitario compromesso dal virus migliora notevolmente grazie all’azione del nuovo vaccino TAT combinato con la terapia antiretrovirale.
Il farmaco viene somministrato una volta al mese per un periodo variabile dai 3 ai 5 mesi. Una volta finito il ciclo la sua efficacia è costante.
La proteina TAT è infatti il motore del virus HIV ed è l’ostacolo che gli attuali farmaci anti-retrovirali non riescono ad abbattere.
Il vaccino, ribattezzato vaccino Ensoli, agisce su questa proteina bloccandone i meccanismi distruttivi e dando modo al sistema immunitario di riattivarsi.
«Questo vaccino» sottolinea Ensoli «arriva dove i farmaci non arrivano. Blocca l’immunoattivazione, aumenta le cellule B, le cellule immunitarie ritrovano funzionalità, c’è insomma un ritorno verso l’equilibrio in pazienti che sono già sottoposti a una terapia farmacologia efficace».

La ricerca per continuare ha ora bisogno di nuovi finanziamenti: «Non abbiamo più fondi per completare la fase II. Ci servivano 21 milioni di euro, ne abbiamo ottenuti 13». Una cifra irrisoria «rispetto a quanto avrebbe speso un’azienda farmaceutica privata» sottolinea Enrico Garaci, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità.

Una volta trovati i finanziamenti verrà valutato l’effetto del vaccino sui pazienti sintomatici (per bloccare la malattia) e poi su pazienti sani, per verificare se il prodotto è efficace anche per la prevenzione.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 468 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1190
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY