Wise Society : Come salvare il Mediterraneo: se ne parla alla First Siena Solutions Conference
ARTICOLI Vedi tutti >>

Come salvare il Mediterraneo: se ne parla alla First Siena Solutions Conference

Un importante incontro internazionale dedicato allo sviluppo sostenibile del Mediterraneo punta a individuare progetti da finanziare e realizzare in tempi brevissimi

3 luglio 2013

E’ uno degli appuntamenti più attesi dell’anno in tema di sostenibilità e si tiene il 3 luglio presso la Certosa di Pontignano, il centro congressi dell’Università di Siena. E’ First Siena Solutions Conference, un incontro internazionale dedicato allo sviluppo sostenibile nel Mediterraneo e organizzato dal Med Solutions, il Centro per il Mediterraneo presso l’Università di Siena che fa capo alla rete dell’Onu Un Sustainable Development Solutions Network.

Ambiente, sviluppo, energia, responsabilità sociale delle imprese: sono questi i temi al centro dei lavori. Obiettivo? Formulare proposte – le cosiddette solutions – per interventi concreti e immediatamente applicabili attraverso progetti di collaborazione internazionale. La First Siena Solutions Conference mira a individuare progetti in atto per la sostenibilità nel Mediterraneo e a definire traguardi comuni, favorendo una condivisione di percorsi e obiettivi.

A presiedere i lavori saranno l’economista Jeffrey Sachs, a capo del progetto mondiale che fa capo all’Onu, e Angelo Riccaboni, Rettore dell’Università di Siena e responsabile scientifico della rete per la regione del Mediterraneo. Sono previsti interventi di Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, di Maria Chiara Carrozza, ministro dell’Istruzione, dell’Università e della ricerca, e di Corrado Clini, direttore generale del ministero dell’Ambiente.

Nel corso della conferenza verranno presentate alcune ”solution” selezionate attraverso un bando internazionale realizzato dall’Ateneo e chiuso lo scorso 25 maggio. Delle 38 presentate, ne sono state selezionate cinque – tre provenienti da gruppi di ricerca e due da studenti – da finanziare e realizzare in tempi strettissimi. Un’area unica al mondo per caratteristiche naturali come il Mediterraneo esige soluzioni condivise per affrontare problemi che non conoscono confini come l’inquinamento, la pesca eccessiva e l’erosione delle coste.

Foto di Inga Vitola/flickr

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6922 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 878 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21075 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 402 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11096 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12111 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1543
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY