Wise Society : «Grazie alla cucina green ho sconfitto la malattia»
ARTICOLI Vedi tutti >>

«Grazie alla cucina green ho sconfitto la malattia»

Ella Woodward Mills ha affrontato la sua malattia rara scegliendo l'alimentazione green. E ha deciso di condividere le sue ricette con un blog (Deliciously Ella) e quattro libri

Mariella Caruso/Nabu
27 marzo 2017
deliciously ella, cucina green, woodwards mills

La copertina di uno dei libri di Ella Woodward Mills, guarita grazie alla cucina green e alla alimentazione sana

«Il mio viaggio verso un’alimentazione nuova e meravigliosa è iniziato tre anni fa. Cambiare la mia dieta ha trasformato la mia vita. Ho imparato che il cibo salutare non deve per forza essere poco invitante e difficile da preparare. Ho scoperto che le piante ci nutrono e ci guariscono. Possiamo stare meglio nel corpo e nello spirito senza rinunciare alle delizie del palato». Fino al 2011, l’inglese Ella Woodward Mills , classe 1991, era semplicemente una studentessa universitaria con una avviata carriera da modella. All’improvviso una malattia rara – sindrome da tachicardia posturale ortostatica o POTS – le ha stravolto la vita. Mills, però, è riuscita a ritrovare energia fisica e mentale grazie a un radicale cambiamento nell’alimentazione e ha voluto raccontare il suo percorso e condividere i suoi suggerimenti prima sul suo blog Deliciously Ella (dedicato alla cucina green) e poi nei suoi libri –  Deliciously Ella, 2015, Deliciously Ella Every Day, 2016, Deliciously Ella, Smoothies and Juices, 2016 e Deliciously Ella With Friends, gennaio 2017 – il primo dei quali  pubblicato in 18 paesi è ora disponibile anche in Italia: Deliciously Ella -Semplicemente green, Vallardi Editore, pp 250.
Libri di ricette naturali a base di frutti e ortaggi, senza glutine né latticini che possono fare la differenza sia per chi soffre di disturbi, sia per chi vuole mangiare sano e verde.
«Fino a qualche anno fa – racconta Ella Woodward  – ero una divoratrice di dolci, anzi, in pratica ero una zucchero-dipendente. Quando ho iniziato a frequentare l’università alla St Andrews, io e i miei amici vivevamo praticamente solo di gelato, montagne di cioccolato e tonnellate di caramelle gommose. Eravamo assuefatti ai cibi industriali ipercalorici, e un’alimentazione “sana” era l’ultimo dei nostri pensieri».

La diagnosi di una malattia rara, la POTS che porta a un aumento della frequenza cardiaca, problemi al sistema nervoso autonomo e al sistema digestivo con conseguente incremento di peso stravolge la sua vita (“Dormivo sedici ore di fila – dice – , ero gonfissima e costantemente nel panico”). La giovane donna, però, decide di affrontare la malattia a partire dal suo modo di mangiare e comincia a fare ricerche sulla medicina olistica e sugli approcci naturali alla guarigione. Letture che la portano ad avere ben chiaro in mente cosa non mangiare più – carne, latticini, zuccheri, glutine e prodotti industriali o con additivi – e a decidere di nutrirsi solo di prodotti integrali e vegetali.  «Pronta a tuffarmi – racconta –  nel mondo del cibo sano e salutare, mi resi conto che non avevo la minima idea non solo di cosa avrei potuto mangiare, ma anche di come cucinarlo. Per tre mesi mangiai praticamente, ogni giorno, le stesse cose. Però qualcosa di sorprendente stava succedendo: pian piano cominciavo a sentirmi meglio. Questo mi spinse ad andare fino in fondo, e fu allora che ebbi l’idea di aprire il mio blog. Pensai che, se avessi pubblicato almeno tre nuove ricette alla settimana, avrei imparato ad amare questo nuovo modo di cucinare».

deliciously ella, cucina green, woodwards mills

Una delle ricette di cucina green del blog Deliciously Ella

Ed è andata proprio così. Solo nei primi diciotto mesi il suo blog ha registrato cinque milioni di visitatori e in meno di due anni, Ella Mills è tornata quella di prima.  Da allora continua a condividere con tutti le sue ricette di cucina green e le sue sperimentazioni culinarie. «Il mio primo consiglio – dice – è iniziare in modo molto graduale. Per partire nel modo giusto, basta introdurre ogni giorno una porzione di frutta o verdura: con poco sforzo, si può dare un tocco delizioso ai piatti aggiungendovi, per esempio, qualche spicchio di patata dolce, o del guacamole. Uno smoothie di prima mattina è un ottimo toccasana per iniziare la giornata col piede giusto e sentirsi in formissima dentro e fuori. Inoltre, nello stile di vita che propongo, quello che conta è il benessere, non le calorie».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27341 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27339 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27337 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27336 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9374 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13297 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27338 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27340 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27350 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27342 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27343
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY