Giulio Iacchetti: il design dev’essere su ordinazione

8 ottobre 2010

Il designer parla dell’importanza del design condiviso. Di mettere in rete i progettisti per realizzare progetti di ampio respiro. E del suo rapporto con gli oggetti, ai quali attribuisce un valore assoluto, strettamente legato alla memoria e al vissuto. Ciò che lo interessa è il lato impalpabile dell’oggetto, il suo contenuto poetico, spirituale e immateriale. Invita anche a riflettere sull’invasione degli oggetti sul mercato. Alla loro veloce obsolescenza. Che li rende in breve tempo destinati alla spazzatura. E propone un design su commissione. Per evitare di invadere ancora il pianeta di oggetti inutili

Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 34 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1889 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1221 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1885
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY