Wise Society : Come interpretare gli scarabocchi: una finestra sul nostro mondo interiore
ARTICOLI Vedi tutti >>

Come interpretare gli scarabocchi: una finestra sul nostro mondo interiore

I disegnini che tracciamo quando siamo sovrappensiero hanno un senso. Ci aiutano a concentrarci sui dettagli, dice la scienza, ed esprimono i nostri desideri inconsci. Una famosa grafoanalista ci aiuta a leggere i più comuni

di Enrica Belloni
3 Agosto 2020

Al telefono, a una conferenza o nel corso di una riunione. Sul tavolo un foglio, nella mano una penna. Ed ecco che sulla carta compaiono i disegni più strani, figure realistiche o forme astratte, tratti ossessivi o disegni romantici. A guidarle è la mano, che sembra sottrarsi al controllo del cervello. Li chiamano scarabocchi; sono tratti inconsapevoli che ci cullano e parlano di noi.

scarabocchi

Foto di Content Pixie on Unsplash

«Attraverso questi schizzi si sfogano le proprie emozioni e si rappresenta per immagini quello che avviene all’interno di ognuno», spiega Evi Crotti, psicopedagogista e autrice del libro “I disegni dell’inconscio” edito da Mondadori . «Se la parola è posta sotto il controllo dell’educazione, lo scarabocchio possiede un potenziale di comunicazione non verbale. E migliora anche la concentrazione». La comunità scientifica concorda: uno studio del Medical Research Council della Cambridge afferma che scarabocchiare a briglia sciolta mentre si ascolta qualcuno aiuta a ricordare i dettagli del discorso.

Il significato degli scarabocchi: le tipologie principali

Basta osservare il foglio abbandonato di fianco al telefono, l’angolo dell’agenda o la cartaccia bianca per scoprire che gli scarabocchi sono tantissimi, tutti diversi tra loro. Evi Crotti li ha classificati, ricavandone sei tipologie. Con il suo aiuto, proviamo a interpretare i disegnini più comuni.

Scarabocchi su un foglio

Scribble, album di isbsh/flickr

Scarabocchi figurativi

disegno di un fiore

A flower, album di schoschie/flickr

Gli scarabocchi figurativi rappresentano oggetti identificabili: un volto, un fiore, un pupazzo, una casa. Denotano, dice l’esperta, una ricerca della propria identità e un tentativo di immedesimazione con la realtà. Indicano un profondo bisogno di introspezione.

Se i fiori esprimono altruismo, sensibilità, gli uccelli segnalano un bisogno di regredire al passato, mentre le farfalle tradiscono il desiderio di evadere dalle responsabilità.

Tra gli alberi, la quercia è il disegno delle persone operose, dinamiche e fattive, l’abete segnala legame alle tradizioni e agli affetti, la palma indica bisogno di evasione e voglia di trovare un’oasi di pace.

Scarabocchi complessi

Si parte da un disegno che, ripetuto indefinitamente, si trasforma in una composizione più articolata. E’ uno schizzo che esprime voglia di crescita, di socializzazione e interazione con chi ci circonda. Se a espandersi è uno reticolato, richiama uno stato di costrizione, come se ci si trovasse imbrigliati in situazioni che non sembrano avere vie d’uscita.

Scarabocchi decorativi

Scarabocchio, punto di domanda

A Question mark, album di Elea/flickr

Uno tipico scarabocchio decorativo è la classica “cornicetta” che si faceva alle scuole elementari: si tracciano decorazioni intorno a un soggetto o sul bordo di un foglio. Il significato? Presto detto: segnala esigenza di chiarezza, gusto del bello e delle proporzioni, voglia di dare significato alle piccole cose. E, in sostanza, un bisogno d’ordine che può sconfinare nella pignoleria. La cornice di fiori simboleggia l’amore per la natura, mentre quella geometrica indica il bisogno di tenere le cose sotto controllo.

Scarabocchio geometrico: il significato di cubi, cerchi, linee e spirali

scarabocchio

album di a L p/flickr

Disegnare cubi, cerchi, rombi indica l’esigenza di riorganizzare, di trovare il perché di ogni cosa, di attribuire un significato logico a tutto quel che ci circonda.

Le linee, invece, simboleggiano calma e ottimismo; disegnare spirali, al contrario, denota un bisogno di esprimere se stessi (ma quando vanno dall’esterno all’interno la voglia di staccare la spina). Il rettangolo indica razionalità; il cerchio, femminilità, accoglienza, capacità di adattamento; il cubo è segno di stabilità emotiva e capacità di lavorare con ordine e metodo;

il cono segnala  una latente aggressività; le scacchiere indicano che l’autore ha delle ambizioni ben programmate, un pensiero logico, riflessivo e lungimirante.

Scarabocchi riempitivi

Si possono riempire gli occhielli di uno stampato, un titolo di giornale; disegnare i baffi o la barba a un viso. In tutti i casi, questo tipo di scarabocchio esprime il bisogno di accumulare, di delineare il proprio spazio o riempire dei vuoti.

Riempire con la penna gli spazi interni delle lettere è una reazione all’ansia: serve a colmare un senso di vuoto emotivo; quando invece si annerisce il proprio scarabocchio, vuol dire che si ricerca una maggiore sicurezza.

Ci sono altri segni che frequentemente ricorrono su bloc notes e fogli volanti. La firma ripetuta indica il bisogno di rafforzare la propria stima o il senso di appartenenza a qualcosa; le frecce rappresentano la “pulsione” e denotano aggressività, voglia di raggiungere obiettivi ambiziosi, irruenza verbale. Infine, chi disegna occhi chi è curioso e ha capacità di seduzione; disegna bocche chi sa comunicare emotivamente, e scarabocchia penne chi vorrebbe lasciare tracce ben visibili di sé.

Another two hour meeting production, album di matt.hutchinson/flickr

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

3 risposte a Come interpretare gli scarabocchi: una finestra sul nostro mondo interiore

  1. anna maria casadei

    Chiederei cortesemente a chi pubblica questi argomenti di sottolineare e di citare chi per prima ha
    spiegato tali considerazioni. Se mi verrà trascritto l’indirizzo invierò tramite e-mail i miei articoli che si riferiscono al significato delle simbologie degli adulti tramite gli scarabocchi. Questi articoli sono stati pubblicati e registrati dal 1993-1994 e 1995 . Ringrazio per l’attenzione e in attesa di gradito riscontro alla presente, invio cordiali saluti. Prof.ssa Anna Maria Casadei

  2. Greta

    Buonasera Dott.ssa Casadei,
    potrebbe gentilmente inviare anche a me i suoi articoli?
    greta1982@hotmail.it

    Grazie 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 420 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 419 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 916 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 418
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY