Wise Society : Disoccupazione in crescita e sulle spalle dei giovani
WISE BLOG Vedi tutti >>

Disoccupazione in crescita e sulle spalle dei giovani

L'Ocse presenta il suo ultimo rapporto sulle prospettive del lavoro in Italia e in Europa. A pagare il prezzo della crisi sono soprattutto i giovani tra i 15 e i 24 anni, e i lavoratori meno qualificati

Francesca Tozzi
10 Luglio 2012

Foto di Incase/flickrNon ci sono buone prospettive per i lavoratori italiani, soprattutto non ce ne sono per i giovani lavoratori. In attesa di capire dove ci porterà la discussa riforma del mercato del lavoro, recentemente approvata, contano i numeri. E sono numeri che parlano di 48 milioni di disoccupati in Europa a maggio 2012, quasi 15 milioni in più rispetto all’inizio della crisi. Livelli record. L’Ocse ha presentato oggi a Parigi il suo ultimo rapporto sulle prospettive dell’occupazione, un rapporto che mostra come l’Italia stia pagando particolarmente i costi della crisi e come tutto questo pesi sulle giovani generazioni, costrette ad appoggiarsi alla famiglia fino a data da definirsi.

 In Italia la percentuale dei giovani precari tra i 15 e i 24 anni è ormai del 50%; nel 2011 era del 49,9%, nel 2010 del 46,7% e nel 2009 del 44,4%. Un’escalation del lavoro precario che ben si abbina alla crescita reale e prevista dei livelli di disoccupazione. Secondo il rapporto Ocse, nel nostro Paese il costo occupazionale della crisi “non è distribuito in modo uniforme. Sono stati soprattutto i giovani e i lavoratori meno qualificati a perdere il lavoro”. Poi ci sono i giovani qualificati che, appena possono, vanno a lavorare e a vivere da un’altra parte. Magari non in Europa dato che, sempre secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il tasso di disoccupazione a maggio è stato dell’11,1%, il dato più elevato mai registrato. La Spagna quest’anno raggiungerà un livello di disoccupazione del 24,5% e la Grecia del 21,2%. Seguono Francia con il 9,8% e Gran Bretagna con l’8,6% di disoccupati. Tanto vale ripiegare sulla Germania, il Paese che ha più lavoro da offrire (con un tasso stimato dall’Ocse intorno al 5,4%) o aspettare, e sperare, che il pacchetto di riforme approvato a giugno sblocchi la flessibilità in entrata anche nel nostro Paese.

Di cosa parla questo articolo?
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a Disoccupazione in crescita e sulle spalle dei giovani

  1. Ciao.
    A leggere queste cose viene tristezza! E pensare che il green sta dando tante opportunità… e se fosse + sostenuto dai governi ci sarebbe molto + lavoro… perché il futuro è GREEN! O no?
    E’ con questa mentalità che L’APEBIANCA (il primo centro interamente dedicato al consumo consapevole) lavora ogni giorno per diventare sempre + grande… e green 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1438 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10923 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1740 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1344 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 805 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6260 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8406
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY
Hai già votato, attendi un giorno per esprimere nuovamente il tuo parere