Wise Society : L’Ora della Terra 2012 invita alla sostenibilità
SPECIALE : Mobilità sostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

L’Ora della Terra 2012 invita alla sostenibilità

Ilaria Lucchetti
15 febbraio 2012

logo WWFL’Ora della Terra, l’evento targato WWF che il 31 marzo inviterà a spegnere le luci di tutti i luoghi simbolo e monumenti del pianeta per dare una scossa simbolica alla lotta al cambiamento climatico, quest’anno lancia un’ulteriore sfida alle città. Quella di crearsi un’identità nuova, stavolta sostenibile. E propone anche in Italia la Earth Hour City Challenge, una sfida internazionale che premia le buone pratiche avviate dalle metropoli.

Tanti i temi sul piatto: aria, acqua, energia, cibo e consumi, rifiuti, biodiversità, consumo del suolo, abitazioni e trasporti. Senza tralasciare il coinvolgimento dei cittadini e le politiche integrate, in cui le singole azioni sono coordinate da una visione organica e complessiva.

L’idea è quella di creare una sorta di ‘contagio’ positivo. Per questa ragione l’organizzazione ambientalista sta distribuendo a centinaia di Comuni un kit per la sostenibilità urbana con un elenco di 10 azioni per ripensare le città che comprende: risparmio energetico, mobilità sostenibile, gestione dei rifiuti, tutela della biodiversità urbana, riduzione del consumo del suolo e produzione di cibo a chilometri zero.

Ma oltre alle linee-guida, vengono fornite anche le soluzioni, già testate all’estero con risultati positivi. Le “Urban Solutions” portate a esempio riguardano Friburgo (Germania) dove il 50% degli spostamenti avviene a piedi o in bicicletta, Rizhao (Cina) che sta guidando il passaggio verso l’energia solare attraverso l’installazione di pannelli solari su tutti i nuovi edifici e l’Avana (Cuba) che fornisce più del 40% del consumo cittadino di verdure attraverso agricoltura urbana.

Il termine ultimo per candidarsi a capitale sostenibile di Earth Hour 2012 è il 29 febbraio e va contattato l’indirizzo email: ufficioeventi@wwf.it. Dopo una prima fase nazionale, i cui vincitori saranno presentati al pubblico nei giorni precedenti il 31 marzo, i Comuni italiani si confronteranno con i “competitor” stranieri impegnati nella sfida a livello internazionale.

Salva

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6513 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9482 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9486 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 292 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 158 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 964 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9484 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9483 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 615 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 643 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2307 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 715 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9485 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 572
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY