Wise Society : I Comuni italiani sempre più a misura di biciclette e ciclisti
SPECIALE : Mobilità sostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

I Comuni italiani sempre più a misura di biciclette e ciclisti

Bike sharing, infrastrutture dedicate, parcheggi. In Italia aumenta la mobilità a due ruote e con essa le infrastrutture nelle città. Lo dice il report dell’Osservatorio Focus2R

Andrea Ballocchi
6 febbraio 2019

È prematuro parlare di Comuni ciclabili, ma nelle città capoluogo si alza l’attenzione a favore di biciclette e ciclisti. Cresce, infatti, la disponibilità media d’infrastrutture ciclabili e la possibilità di trasportare le bici sui mezzi pubblici. Aumenta anche il numero di Comuni dotati di bike sharing. Ma c’è molto da fare in termini d’investimenti per la sicurezza. A offrire un’istantanea sulla situazione che si vive per lo meno nei capoluoghi di provincia italiani è l’Osservatorio Focus2R, che ha ottenuto risposte dall’80% dei capoluoghi d’Italia.

BICI E CICLABILITA’, LUCI E OMBRE – Promosso da Confindustria Ancma e Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia, l’Osservatorio Focus2R – giunto alla terza edizione – registra le politiche comunali in favore dei ciclisti, oltre che dei motociclisti. Dalle piste ciclabili alla sharing mobility, fino al monitoraggio sulla situazione delle colonnine di ricarica per i veicoli elettrici sono molti gli aspetti in tema di mobilità su due ruote nei centri urbani raccolti in base alle informazioni fornite dalle amministrazioni locali.

comuni, biciclette, focus2r, ciclisti

Secondo il report dell’Osservatorio Focus2R nelle città capoluogo si alza l’attenzione a favore di biciclette e ciclisti: cresce la disponibilità media d’infrastrutture ciclabili, la possibilità di trasportare le bici sui mezzi pubblici, aumenta il bike sharing, Foto: Pixabay

Veniamo ai numeri. In termini di infrastrutture – piste ciclabili, ciclopedonali e zone con moderazione di velocità a 20 e 30 km/h – la disponibilità media cresce del 9% dal 2015, come pure sale la percentuale di città dove si può trasportare le bici su bus, treni e altri mezzi pubblici (+14%). In tema di bike sharing, il report registra un +6,1% del numero di Comuni dotati di questo servizio. Milano esclusa – solo qui si contano 16.600 biciclette e 257.000 abbonati – in media sono disponibili 156 biciclette per Comune, distribuite in 16 stazioni con 2039 abbonati. Altro aspetto positivo riguarda il numero crescente di Comuni (il 73% del campione) che hanno allestito postazioni di interscambio bici in tutte o in almeno una stazione ferroviaria. Per cicli e motocicli è rivolta attenzione anche per quanto riguarda l’impiego di vernici non sdrucciolevoli per la segnaletica stradale (+3,4%).

Fin qui le luci. Ma ci sono anche varie ombre proiettate sul presente della

comuni, biciclette, focus2R, ciclisti

Milano è la regina incontrastata del bike sharing con 12 biciclette ogni mille abitanti, Foto: Cristina.Sanvito/Flickr

mobilità sostenibile nazionale. A partire dal discorso sicurezza. Lo conferma il dato negativo (-13,3%) riguardante la percentuale di Comuni che ha inserito almeno una misura dedicata a favore delle biciclette nel Piano Urbano della Mobilità. Inoltre, sono ancora poche le città che incentivano l’acquisto di una bici tradizionale (9%), o di una a pedalata assistita (14%). Ancma segnala a proposito in una nota che: “il Focus2R mette in evidenza uno

sviluppo a due velocità nell’attenzione dei municipi alle politiche per la mobilità su due ruote, con un Centro-Nord molto più sensibile e dinamico rispetto alle città del Sud”.

BICI E CICLABILITA’, LE CITTA’ VIRTUOSE – Il  report annota anche le città più – e meno – virtuose. Sulle infrastrutture per la ciclabilità la migliore per distacco è Reggio Emilia con 41 metri equivalenti per abitante, che distacca Mantova e Cremona (31 m eq/ab) e Lodi (29 m eq / ab). Venezia è il capoluogo modello alla voce parcheggi biciclette presso le stazioni ferroviarie: con 1500 posti svetta, davanti a Bologna con oltre 1400. Dietro il solco si allarga, considerando i 900 posti di Ferrara. Per il bike sharing la regina incontrastata è Milano, con 12 bici ogni mille abitanti; dietro, sul, ci sono Bergamo e Cremona che però si fermano a poco più 5 bici. Brescia, quarta città, è a quota 2,5.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7367 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 664 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8886 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31214 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21297 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31216 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 79 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 643 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31215 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 642 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20110
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY