Wise Society : Talenti under 30: molti italiani fra i più innovativi d’Europa
ARTICOLI Vedi tutti >>

Talenti under 30: molti italiani fra i più innovativi d’Europa

Tra i 300 giovani selezionati da Forbes per la capacità di innovare ci sono anche 11 italiani, alcuni dei quali ideatori di soluzioni dal forte impatto green e sostenibile

Andrea Ballocchi
14 febbraio 2019

La carica dei 300 profili under 30 più interessanti d’Europa selezionati da Forbes ha un forte sapore di innovazione. Nella selezione dei talenti più influenti nel campo della tecnologia, ma anche dell’arte, cultura, scienza, media, finanza e sport, in tutto dieci categorie, alcuni sono autentiche celebrità: per esempio Antoine Griezmann, stella calcistica dell’Atletico Madrid e della nazionale francese campione del mondo o Daniel Radcliff, attore oggi 29enne divenuto celebre a 12 anni impersonando Harry Potter.

Ma, a parte queste star, comunque meritevoli nelle loro categorie, l’elenco di Forbes presenta tanti giovani disruptive, provenienti da 34 paesi europei, oltre a 22 paesi extraeuropei. Una selezione della “meglio gioventù”, personaggi audaci per le loro idee e attività, capaci di portare nuove idee in Europa. Tra questi si contano 11 italiani.

GLI UNDER 30 ITALIANI CHE GUARDANO A FELICITA’ E SOSTENIBILITA’ – Nell’undici titolare dei migliori giovani del Belpaese nella classifica, diversi di loro si sono fatti strada con idee decisamente wise. Partiamo da Davide Dattoli, 28enne fondatore della più grande rete di spazi di coworking dedicata ai talenti del digitale e che nell’intervista a Wise Society segnalò un suo obiettivo: la felicità dei propri dipendenti.

talenti, under30, forbes

L’elenco di Forbes presenta tanti giovani “disruptive” under 30, provenienti da 34 paesi europei, oltre a 22 paesi extraeuropei, Foto: Pixabay

Chi invece ha a cuore il comfort e il benessere di chi vive in case e uffici è Nunzio Yari Cecere, 25enne Ceo di Cecere Management, holding immobiliare che punta su green building, efficienza energetica, uso di fonti rinnovabili e smart home per costruzioni eco sostenibili.

A proposito di edifici vanno segnalati anche i 29enni Domenico Colucci e Giangiuseppe Tateo, co fondatori della startup Nextome, ideatori di una soluzione in formato app per la navigazione in spazi chiusi grazie a particolari sensori bluetooth. La loro soluzione, ideale per i grandi ambienti, ha trovato apprezzamento negli ospedali, anche USA, ma ricevendo interesse anche in Italia oltre che dal CERN di Ginevra.

La tecnologia sostenibile ha ispirato il percorso di Jonathan Fiorentini, 25enne che ha sviluppato insieme a due altri ideatori la startup svizzera HiLyte. Una realtà che punta a fornire energia pulita a basso costo per le popolazioni povere e senza mezzi. La batteria hiLyte produce energia sufficiente per caricare un telefono e illuminare una stanza per una notte. Sempre in tema di telefoni (smartphone) e di applicazioni intelligenti e propedeutiche segnaliamo l’idea della 27enne Lucrezia Bisignani, fondatrice di Kukua che, intende sconfiggere l’analfabetismo infantile in Africa mediante giochi interattivi in grado di sviluppare capacità di lettura, scrittura e matematica.

DAL RISK MANAGEMENT AL RISPETTO PER L’AMBIENTE – L’attenzione agli altri può declinarsi come cura della loro sicurezza, specie in situazioni d’emergenza. Ed è da qui che parte l’esperienza di Riccardo Patriarca, 29 enne ricercatore presso l’università La Sapienza di Roma che si occupa di gestione del rischio: dalla messa in sicurezza di un abitacolo del pilota aereo in caso di emergenza al rendere minimo il rischio di incidente in sala operatoria, durante gli interventi di neurochirurgia. Patriarca è impegnato nella ricerca di tecniche utili a evitare problemi nell’interazione tra umani e macchine.

Infine, una menzione la merita per l’attenzione all’ambiente anche la soluzione ideata dal siciliano Guido Zichittella, tra i più interessanti scienziati under 30 d’Europa. Il 27enne dottorando presso l’ETH di Zurigo sta mettendo a punto una tecnologia capace di ridurre le emissioni di CO2 rilasciate dal gas naturale quando viene bruciato negli impianti chimici.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31248 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31251 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 970 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31249 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1846 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2293 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25323 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31255 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14939 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31256 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31253 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31254 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31252 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31250 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8218 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20339 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25325
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY