Wise Society : L’assistenza sanitaria è a portata di smartphone
ARTICOLI Vedi tutti >>

L’assistenza sanitaria è a portata di smartphone

Grazie alla telemedicina, l'offerta di servizi sanitari attraverso una tecnologia sempre più alla portata di tutti, le spese per l'assistenza si potrebbero tagliare del 70%

Francesca Tozzi
8 giugno 2012

Smartphone Foto di liewcf/flickrLa tecnologia può fare qualcosa per ridurre i costi dell’assistenza sanitaria? Secondo quanto è emerso ieri al simposio internazionale organizzato a Bruxelles dallo University of Pittsburgh Medical Center (Upmc), la risposta è sì. E i tagli possibili sono nell’ordine del 70% a paziente. Non è poco ed è una prospettiva da valutare nella pratica. La spesa sanitaria cresce perché si vive di più ma, invecchiando si è anche più soggetti a malattie e disturbi vari. E oggi più che mai, tra crisi e spending review, si cercano modi per ottimizzare il costo dei servizi.

La telemedicina, che consiste nell’offerta di servizi sanitari e nella cura a distanza dei pazienti tramite l’utilizzo della tecnologia informatica, non nasce oggi ma è alla portata di sempre più persone grazie anche agli smartphone. La possibilità di effettuare una diagnosi clinica senza essere fisicamente nello stesso luogo del paziente ha permesso di offrire servizi sanitari nelle zone più remote o prive dei servizi sanitari specialistici. «Ormai la tecnologia è sempre più low cost e alla portata di tutti, anche grazie allo smartphone e a tutte le sue applicazioni – ha spiegato Laura Raimondo, amministratore delegato di Upmc Italia – La telemedicina è la chiave per ridurre i costi della sanità e dare accesso all’assistenza a una popolazione che sta invecchiando sempre di più».

Secondo uno studio del centromedico dell’Università del Kansas, con l’applicazione della telemedicina in oncologia dal 1995 al 2005 si è passati da 103 visite al costo di 812 dollari l’una a 235 visite per 251 dollari l’una, circa il 70% in meno. I dati a disposizione su esperienze di telemedicina nel lungo periodo sono ancora pochi, ma sembrano confermare quanto è emerso oggi al simposio.

Fonte: Ansa

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9318 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13488 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12449 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13487 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13486 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13489
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY