Wise Society : Dall’arredo al biogas, i mille usi del fico d’India
ARTICOLI Vedi tutti >>

Dall’arredo al biogas, i mille usi del fico d’India

La pianta, finora famosa per il frutto, entra in gioco in vari progetti, dall’edilizia ai cosmetici fino alle energie rinnovabili.

Andrea Ballocchi
6 maggio 2015

vitamine Sikalindi Sciàtu pannello isolante olio lampada ecologica lampada che si ricicla lampada biologica fico dIndia energia rinnovabile ecosostenibile biomassa bioediliziaIl fico d’India è un frutto famoso e apprezzato; meno conosciuta è la pianta. Ma agronomi e botanici sanno quanto sia preziosa l’Opuntia ficus indica – questo il suo nome scientifico – appartenente a una delle centinaia (forse 300, ma il numero non è ancora certo) di specie del genere Opuntia. La sua fama la deve ai suoi svariati utilizzi. Sì perché, in forma di gel o di olio, è rinomata per le sue proprietà cicatrizzanti, emollienti, disinfettanti, oltre che per la sua ricchezza vitaminica (sia delle foglie, denominate cladodi o pale, sia dei semi o dei fiori).

Ma non è solo l’aspetto estetico o nutrizionale per cui si sta facendo apprezzare: ci sono altri utilizzi di questa pianta originaria del Messico che, giunta dopo la scoperta dell’America si è sviluppata talmente bene nei Paesi mediterranei da fare ormai parte integrante del paesaggio. Si pensi alla Sicilia, che nel tempo è divenuta la prima regione europea produttrice del frutto. Qui e in Puglia sono segnalati i progetti più interessanti e alternativi, che spaziano dall’arredamento all’energia rinnovabile, il tutto in chiave rigorosamente ecosostenibile.

Partiamo dall’arredamento e dal recente progetto di un giovane designer, Renato Belluccia, che ha ideato Sciàtu, lampade scultoree realizzate interamente a mano lavorando carcasse dei fichi d’India alla fine del loro ciclo vitale. Il nome della creazione deriva dalla parola siciliana che significa “fiato, respiro” ed è un’altra particolarità della lampada che si accende e si spegne con un soffio (oltre che al contatto). Come ci spiega il designer, si tratta di un prodotto totalmente biologico ed ecologico: «La lampada, una volta staccata dalla base con la componente tecnologica, si può gettare nel terreno e riprenderà il suo ciclo vitale».

E se per il progetto Sciàtu a breve partirà il crowdfunding, sempre nel settore arredamento c’è già una realtà: Sikalindi, marchio registrato della fibra, brevettata, di fico d’india e impiegata per rivestire mobili e complementi d’arredo o per realizzarne su misura. L’idea è valsa all’azienda Marcello Rossetti, della provincia di Lecce, l’Oscar Green, nel 2013, premio promosso da Coldiretti Giovani Impresa per valorizzare e dare spazio all’innovazione in agricoltura.

Passando dall’arredo alla casa, è da segnalare l’idea, oggi brevetto, di un pannello vitamine Sikalindi Sciàtu pannello isolante olio lampada ecologica lampada che si ricicla lampada biologica fico dIndia energia rinnovabile ecosostenibile biomassa bioediliziaisolante e “bio”. È stato registrato dall’Università di Palermo, da Antonio De Vecchi e Antonino Valenza, docenti della facoltà di Ingegneria. Ha dalla sua, oltre che il profilo ecosostenibile, prestazioni che non hanno nulla da invidiare ai ritrovati chimici attualmente in commercio. Come spiega il professor Valenza, «i valori di isolamento sono simili al polistirene», aggiungendo che «manifestazioni di interesse a livello industriale ce ne sono». Il prodotto, ideale per case in bioedilizia, presenta molti altri vantaggi: è atossico ed è totalmente riciclabile. Inoltre nelle fasi di lavorazione, anche il succo estratto dalle pale può essere rivenduto alle aziende cosmetiche e alimentari.

Infine, in quanto biomassa, la pianta di fico d’India – o, meglio, le parti che cadono spontaneamente – può essere impiegata per la produzione di biogas: è quello che sta portando avanti a livello sperimentale un team di ricercatori dell’università di Catania.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 57 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10944 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 885 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10915 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24152 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24156 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24155 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10718 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24158 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24153 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24157 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 339
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY