Wise Society : Sei un’azienda etica? Lo dice il rating di legalità
SPECIALE : Economia del benessere
ARTICOLI Vedi tutti >>

Sei un’azienda etica? Lo dice il rating di legalità

Strumento nato nel 2012 allo scopo di promuovere in Italia principi etici nei comportamenti aziendali, il rating assegnato dall'Agcm è un fattore premiante per l'inserimento nel sistema dei finanziamenti pubblici e l'accesso al credito. Ma bisogna guadagnarselo

Francesca Tozzi
10 Maggio 2013

rating di legalitàIn tempi di crisi e corruzione, quando alla sfiducia della gente certe multinazionali reagiscono con esibizione di certificazioni “vuote”, politiche di csr di facciata e mere operazioni di green washing, uno strumento come il rating di legalità, nato nel 2012 allo scopo di promuovere in Italia principi etici nei comportamenti aziendali, può fare la differenza. Si tratta, infatti, di uno strumento che sancisce il riconoscimento ufficiale del valore etico di un’impresa che valorizza la legalità e che può vantare, per esempio, un management pulito dal punto di vista giudiziario, una rete sostenibile di fornitori, l’adozione di pratiche di Responsabilità sociale d’impresa serie, attività che valorizzano il territorio contrastando le mafie.

Sono solo alcuni dei parametri che vengono valutati dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) prima di assegnare quello che Andrea Casadei, direttore della ricerca del network Bilanciarsi, definisce come un “contrassegno fondamentale per valorizzare le realtà operose e davvero sostenibili, togliendo spazio all’economia distorta imposta dalla criminalità organizzata e favorendo, in termini di priorità nell’aggiudicazione degli appalti pubblici e di accesso al credito, le aziende dotate di sistemi anti-corruzione e di codici etici, che denunciano il racket e aderiscono fattivamente alle associazioni antimafia.

Il rating assegnato a ciascuna impresa sarà metro di valutazione dell’affidabilità della stessa e assumerà rilievo sia per la concessione di finanziamenti pubblici, sia per l’accesso al credito bancario. Certo, oggi come oggi la priorità di molte pmi è riuscire ad arrivare alla fine del mese salvando fatturato e dipendenti. Non tutti possono farne richiesta ma solo le aziende con un fatturato di almeno due milioni di euro operanti nel territorio nazionale e iscritte al registro delle imprese da almeno due anni.

 L’Agcm attribuisce un punteggio, da una a tre stellette: una stelletta verrà assegnata dall’Antitrust alle aziende con imprenditori che non abbiano ricevuto sentenze di condanna per reati tributari e reati contro la Pa e che non abbiano procedimenti penali in corso per reati di mafia. Inoltre, è necessario che, nel biennio precedente, l’impresa non sia stata condannata per illeciti antitrust gravi, per mancato rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, per violazioni degli obblighi retributivi, contributivi, assicurativi e fiscali nei confronti dei propri dipendenti e collaboratori. Il punteggio sale a due e, poi, a tre stellette se sono rispettati fino a sei altri requisiti, tra i quali l’adesione e il rispetto del Protocollo di legalità sottoscritto dal ministero dell’Interno e da Confindustria, e l’iscrizione in uno degli elenchi di fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa. Le aziende interessate dovranno presentare una domanda, per via telematica, utilizzando l’apposito formulario pubblicato sul sito dell’Agcm.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20706 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6922 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1812 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2572 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11190 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20705 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6653 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9703
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY