Wise Society : I ricercatori contro le sigarette elettroniche
ARTICOLI Vedi tutti >>

I ricercatori contro le sigarette elettroniche

Nella giornata mondiale contro il tabacco il richiamo degli scienziti: "Gli aromi delle sigarette elettroniche dovrebbero essere vietati, così come la pubblicità ingannevole".

Fabio Di Todaro
31 maggio 2018
sigarette elettroniche, giornata mondiale contro il tabacco

Secondo un gruppo di esperti di malattie respiratorie «Gli aromi delle sigarette elettroniche dovrebbero essere vietati, così come la pubblicità ingannevole», Image by iStock

Repetita iuvant. «Gli aromi delle sigarette elettroniche dovrebbero essere vietati, così come la pubblicità ingannevole», mette nero su bianco un gruppo di esperti di malattie respiratorie, intenzionato nella giornata mondiale contro il tabacco e tutelare i più giovani. «Sono ormai solide le evidenze che dimostrano come le sigarette elettroniche siano dannose per la salute e provochino dipendenza. Eppure le aziende continuano a venderle come prodotti più salutari e la loro popolarità tra i giovani è in crescita». Una stroncatura in piena regola, che poggia però le basi sull’autorevolezza degli undici autori del documento pubblicato sull’«European Respiratory Journal»: tra cui anche l’italiana Stefania Lagrutta, responsabile del gruppo di ricerca di allergologia e pneumologia pediatrica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). Il documento conferma l’atteggiamento che andrebbe assunto nei confronti delle sigarette elettroniche rispetto ai giovani: di divieto assoluto. Diverso invece può essere l’approccio da tenere di fronte a un adulto. Se non si tratta di un fumatore, non dovrebbe comunque essere mai invogliato a utilizzare le sigarette elettroniche. Se la persona è un fumatore di lungo corso, invece, «svapare» sarebbe meno dannoso del resto: sebbene non ci siano comunque gli elementi per affermare che con le sigarette elettroniche ci si può avvicinare verso l’abbandono dell’abitudine.

LE SIGARETTE ELETTRONICHE NON SONO INNOCUE – Il documento passa in rassegna le molteplici evidenze emerse in ormai diversi anni di ricerche sulle sigarette elettroniche. Confermata l’estrema sensibilità dei più piccoli alla nicotina: motivo per cui lo sdoganamento dell’utilizzo delle sigarette elettroniche tra i più giovani rischia di vedere irrobustirsi il fronte dei fumatori abituali, nel giro di qualche anno. Una sintesi che i ricercatori hanno ripetuto in più punti del documento, perché «fino a poco tempo fa i rischi delle sigarette elettroniche erano sottostimati, se non proprio ignorati», per dirla con Rhomas Ferkol, docente di pediatria all’Università di Saint Louis e primo autore della pubblicazione. «Il design del prodotto, gli aromi e il marketing hanno invece contribuito ad accrescere l’interesse dei più giovani nei confronti delle sigarette elettroniche. Una strategia che ha determinato la normalizzazione del loro impiego che rischia di immettere nella società una nuova generazione di dipendenti dalla nicotina». Questo (anche) perché sono crescenti le prove «che le sigarette elettroniche possano fungere da ponte verso il consumo di quelle tradizionali». E sebbene l’esposizione alle sostanze potenzialmente nocive contenute all’interno delle sigarette elettroniche possa essere inferiore alle sigarette tradizionali, ciò non significa che le sigarette elettroniche siano innocue.

UNA STRETTA PURE SUGLI AROMI – «Quando parliamo di bambini e adolescenti che

sigarette elettroniche, giornata mondiale contro il tabacco

Le sigarette elettroniche fanno male soprattutto ai giovani. In Italia sono vietate agli under 18, mentre in larga parte del mondo no, Image by iStock

provano le sigarette elettroniche per la prima volta, non dovremmo confrontare il loro uso con le sigarette tradizionali, ma con un utilizzo di tabacco pari a zero», si legge nel documento per spiegare perché non è il caso di puntare sulla minore nocività delle sigarette elettroniche, quando ci si confronta con una platea di adolescenti. Secondo gli esperti, le sigarette elettroniche dovrebbero essere regolate allo stesso modo dei prodotti del tabacco e incluse nelle politiche antifumo: cosa che accade in Italia, ma non in larga parte del mondo. Più stringenti dovrebbero essere pure le politiche nei confronti degli aromi, perché «è dimostrato che avvicinino i giovani alle sigarette elettroniche».

Twitter @fabioditodaro

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1096 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30050 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25896 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30048 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7324 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20849 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30052 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30051 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1043 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28723 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30049
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY