Wise Society : Un test per valutare il tasso di metalli e minerali nell’organismo
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Un test per valutare il tasso di metalli e minerali nell’organismo

Gerardo Rossi, direttore scientifico di Mineral Test, ha messo a punto una metodica di analisi efficace e innovativa. Ecco su cosa si basa

Lia del Fabro
7 novembre 2011

Gerardo RossiNel 2010, l’O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha dichiarato che il 25 per cento di tutte le malattie esistenti è da addebitare a intossicazione da metalli pesanti.

Gerardo Rossi, medico chirurgo che lavora a Civitanova Marche (MC) si batte da anni per dimostrare che la presenza nell’organismo di metalli tossici o di squilibri minerali ha conseguenze molto pesanti per la nostra salute e il nostro benessere. La sua area di competenza è quella della medicina ambientale clinica del tutto assente nel nostro Paese, salvo qualche rara eccezione. Una di queste eccezioni è rappresentata in Italia da Mineral Test, centro di studi e ricerche sui minerali fondato nel 2000 nella città marchigiana proprio da Rossi, oggi direttore scientifico, il quale ha messo a punto una metodica d’analisi all’avanguardia, innovativa ed efficace.

Gli step da affrontare

 

In cosa consiste la vostra analisi sui minerali presenti nell’organismo?

Usiamo un metodo analitico, la cosiddetta analisi minerale tissutale (AMT o mineralogramma). Si tratta di un’analisi di quaranta minerali contenuti nell’organismo, per verificare se sono in eccesso oppure se sono presenti in modo insufficiente rispetto a determinati range. Così possiamo anche vedere se ci sono metalli tossici, come mercurio, arsenico, piombo, alluminio. Dallo studio dei minerali presenti nell’organismo del paziente e tenendo presente anche di molte variabili come l’età, il sesso etc., si passa all’interpretazione e quindi alla risoluzione di squilibri con l’integrazione di minerali in minima quantità.

Si tratta di un esame invasivo?

Assolutamente no. Si tratta solo di raccogliere un ciuffo di capelli in quantità pari a un cucchiaio da minestra. I capelli infatti riescono a dire moltissimo su intossicazioni croniche o addirittura sulla cronistoria di intossicazioni registrate dal paziente nel passato, a differenza dell’esame del sangue che copre un periodo molto più breve. E aggiungerei che si tratta di un esame (150 euro) e una cura dai costi contenuti.

Image by © Images.com/Corbis

 

Ci dice qualcosa in più sulla fase successiva all’analisi?

Vanno subito dette alcune cose importanti. Con il mineralogramma non si possono fare diagnosi su patologie, ma solo diagnosi che riguardano lo squilibrio minerale e le intossicazioni. Altro aspetto importante è che non si cura con la terapia endovena ma con semplici capsule preparate dal farmacista in modo galenico, su nostra indicazione. Inoltre la cura è personalizzata, non ha controindicazioni perché sono previste integrazioni di minerali in quantità al di sotto di quelle minime necessarie all’organismo. La nostra terapia può anche affiancare cure farmacologiche già in corso, diventando un complemento a volte decisivo. Dal punto di vista pratico dura tre mesi, cui seguono tre mesi di pausa e alla fine di questo periodo si rifanno gli esami per verificare la situazione. L’osservazione scientifica dei risultati ottenuti in anni di pratica indica che la metodologia usata da Mineral Test è estremamente efficace.

L’importanza del mineralogramma

Come è perché è nato questo centro?

A me sono sempre interessati i minerali sin dai tempi dell’università e già allora avevo poche risposte alle mie curiosità sul perché molti fossero utili per curare i malati.  Del resto questo tipo di esami era già diffuso almeno cinquanta anni fa, poi l’avvento di medicinali come la penicillina e il cortisone (per altro importantissimi) ha anche soppiantato l’analisi dei minerali. Il centro Mineral Test nasce in particolare sulla spinta dell’indicazione dell’O.M.S, che ha raccomandato l’analisi minerale-tissutale come metodo per il bio-monitoraggio del mercurio sulle popolazione.  Oltre ad effettuare analisi, il centro svolge attività di ricerca e sperimentazione scientifiche, autofinanziandosi con i proventi derivati dall’attività clinica.

Image by © Andrew Brookes/CORBISEsistono altre strutture che seguono questa metodica?

A me risulta che Mineral Test sia l’unico centro che esegue esami di questo tipo, o meglio la nostra originalità consiste nella metodologia di lettura dei risultati sui minerali, che rientra nel campo della biochimica e non della medicina alternativa, e nella prescrizione della cura sulla base di minimi dosaggi di minerali. I nostri interlocutori sono medici e operatori sanitari, che seguono poi il paziente, e i cittadini che si mettono in contatto direttamente attraverso il sito di Mineral Test (www.mineral-test-sas.com) Ci arrivano richieste dall’Italia ma anche dal resto dell’Europa. Il mineralogramma è diffuso negli Stati Uniti ma anche lì non praticano la lettura dei risultati e la conseguente cura secondo una metodologia medica, come facciamo noi.

Perché i minerali sono fondamentali per la salute dell’uomo?

Sono alla base del funzionamento del metabolismo cellulare, cioè ogni singola cellula funziona grazie ai minerali e quasi tutti gli enzimi, che sono una sorta di operai super-specializzati della cellula, lavorano solo se hanno minerali diversi, da uno a otto, nella loro molecola. L’insulina, per esempio, ha bisogno della giusta quantità  di cromo per funzionare al meglio, altrimenti non può svolgere bene il suo compito.

 

foto di Roby Ferrar/flickrPerché sarebbe bene se tutti ci sottoponessimo all’analisi AMT?

La quantità e la qualità dei minerali presenti nel nostro organismo dipende in modo totale ed esclusivo dalla madre che trasmette il suo carico tossico all’embrione. È chiaro che se la madre è in uno stato ottimale sotto il profilo dei minerali e metalli presenti nel suo corpo, il nascituro sarà più sano. Poi, se si vive in un luogo con forti problemi di inquinamento, è chiaro che la situazione peggiorerà. L’uomo ha sicuramente una capacità difensiva rispetto agli attacchi di sostanze inquinanti ma se l’attacco è massivo l’organismo non riesce a difendersi a sufficienza. Quello che cerchiamo di fare è proprio ridare all’organismo la sua massima capacità di difesa.

 

I benefici a lungo termine

 

Che vantaggi ci sono nel riequilibrare le carenze di minerali dell’organismo?

È impossibile affermare che una persona nata con alcune alterazioni dei minerali svilupperà sempre e comunque determinate malattie. E non posso neppure curare la singola patologia perché, lo ripeto, non faccio diagnosi di patologie con il mineralogramma, ma solo diagnosi sullo squilibrio minerale e sulle intossicazioni. Ma so, per esempio, che se elimino il mercurio, un elemento sempre tossico per il corpo, anche se presente in quantità minima, il paziente starà meglio o avrà dei benefici pur convivendo con malattie croniche (ad esclusione dei tumori). Nel caso della fibromialgia (malattia caratterizzata da dolori cronici alle ossa, depressione, sofferenza diffusa) che abbiamo seguito in sessanta persone curate in modo personalizzato con sessanta cure diverse, sono stati ottenuti risultati davvero eccezionali. Ci sono anziani di oltre ottanta anni in cura da noi da oltre un decennio, che registrano tutti un miglioramento generale dello stato di salute e in molti casi hanno abbandonato lo scatolone di farmaci che erano abituati a prendere. Se le giovani donne prima della gravidanza iniziassero la cura, i vantaggi sarebbero duplici per entrambi, madre e figlio. E nelle donne già incinte potremmo intervenire direttamente e delicatamente sul feto per farlo nascere in condizioni ottimali poiché il neonato possiede carenze, eccessi e squilibri di minerali sino a quindici volte superiori a quelli della madre. Anche su malati di Parkinson in cura da noi, ho osservato, ovviamente non guarigioni ma benefici molto rilevanti anche solo dopo i primi tre mesi di cura. In genere, tutte le malattie auto immunitarie hanno ottimi benefici dal nostro sistema di analisi e cura. Il vantaggio è certo individuale ma sicuramente, se esteso in forma diffusa, potrebbe essere anche collettivo con minori pressioni sulla spesa del sistema sanitario nazionale.

Image by © Imaginechina/CorbisPensa sia in aumento la sensibilità nei confronti della medicina ambientale?

Sono d’accordo con il mio collega Antonio Pasciuto che proprio nell’intervista a Wise Society ha sottolineato l’estrema carenza di informazione da parte dei medici perché non siamo adeguatamente informati sin dal periodo dell’università, anche se, nel 2006, il nuovo codice deontologico dei medici prescrive l’obbligo morale per un medico di occuparsi anche di malattie ambientali. Quello che mi piacerebbe, e che per ora rappresenta solo un sogno su cui lavorare, è che questa metodica fosse adottata dalle Asl in forma diffusa. I cittadini, al contrario delle istituzioni, sono sempre più informati e sensibili rispetto a queste tematiche. Un esempio è l’iniziativa partita direttamente dal comitato civico di una città dell’Italia centrale, e in questo caso sostenuta anche dalla Asl locale, che ci ha richiesto lo screening su quarantacinque soggetti che vivono in una zona altamente inquinata. Ecco questi sono comportamenti che vanno nel senso di quello che dicevo prima e che, se diffusi, potrebbero contribuire a migliorare lo stato di salute di molti cittadini e delle casse dello Stato, anche perché la sperimentazione in questo caso ha costi contenuti rispetto ad altre ricerche scientifiche e può essere effettuata direttamente sui pazienti. Per chi volesse approfondire, può trovare sul nostro blog (mineraltest.wordpress.com) un gran numero di pubblicazioni scientifiche e notizie utili.

 

 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
 

Detect language » Italian
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Gerardo Rossi
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

16 risposte a Un test per valutare il tasso di metalli e minerali nell’organismo

  1. Il dott. Rossi ha fatto si che il mio organismo naturalmente si liberasse dagli elementi tossici e contemporaneamente si riequilibrassero gli oligoelementi. La mia Sclerosi multipla che era già in fase SP (lenta degenerazione inarrestabile), ormai è completamente ferma dal 2003 come testimoniano il mio neurologo e le RMN che ho pubblicato sul forum del mio sito cristianadistefano.it
    Non credo possa essere solo un caso poichè si è fermata anche altri colleghi malati che hanno fatto il mio percorso. Grazie dottore!!!

    • con i minerali-oligoelementi di sintesi-laboratorio, dati dal dott.gerardo Rossi, non si va da nessuna parte,perché, in linea di massima , inefficaci !! quindi Lei Mente, egregia signora Cristiana o,non ha mai avuto la SM in fase Sp !! Chieda a Massimo Nicoletti, con SM, che risultati ha ottenuto, dopo 6 anni di utilizzo dei minerali-oligoelementi prescritti dal dott.Gerardo Rossi,ove lui stesso, ammette che i risultati si cominciano a intravedere dopo tre anni circa ‘! Mentre ,utilizzando a costo zero,se autopreparato in casa, i minerali naturali, senza alcuna estrapolazione-laboratorio, da prodotti marini pescati e/o da acqua di mare, ove sono tutti già metabolizzati ed quindi, a livello di IONI, che l’organismo accetta in toto,i risultati si vedono dopo minimo tre mesi e , ripeto a Costo Zero e senza effetti collaterali !! vedi su internet-Google,” la mia bevanda alcalina osso seppia ” e poi, se vuole,ne riparliamo !

  2. Aldo

    perche’ il mineral test non vine preso in n considerzione dalla medicina detta ufficiale?
    non tuti possono spendere 150.00 euro per il test perche’ non viene riconociuto dal SSN.?

    • gabriella fasone

      esiste una proposta di legge in parlamento, esamina anche questa questione, giace lì da anni, ecco perchè attualmente c’è un movimento di informazione in giro volto a sensibilizzare il pubblico che si avvantaggerebbe di una legislazione che permetta di fare il mineralogramma in convenzione. per dettagli puoi chiedere a cristiana di stefano
      puoi contribuire anche tu, inviando una mail di appoggio, al senato

    • Andrea Porkolab

      E’ necessario precisare che il mineralogramma (cioè l’analisi dei minerali dei capelli utilizzata nel metodo Mineral Test) è riconosciuto dalla medicina ufficiale! Infatti è RACCOMANDATO dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per il biomonitoraggio del mercurio nelle popolazioni; è stato utilizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (analisi dei capelli dei bambini di Montalto di Castro) e dal CNR di Pisa (analisi di giovani donne nella zona di Priolo, Sicilia); ASL di Trento; ….. Su PubMed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/), biblioteca informatica mondiale di pubblicazioni medico scientifiche, digitando le parole chiave -hair mineral analysis- si trovano ben 579 lavori su questa metodica. Quindi è vero che purtroppo non è ancora riconosciuto dal SSN (Servizio Sanitario Nazionale) e l’ottenimento di questo riconoscimento è proprio uno degli obiettivi di Mineral Test. Quindi non è vero che non è riconosciuto dalla medicina ufficiale, casomai è POCO conosciuto.

  3. gabriella fasone

    L’ho eseguito io e tutta la mia famiglia, anche i miei figli sono risultati intossicati dal mercurio, e mio marito ha 9 volte più di me questo metallo tossico pur avendo avuto solo un’amalgama, da ricerche effettuate mi sono accorta che è esposto alle polveri della stampante a laser nel suo ufficio sulla sua scrivania……Il mineralogramma è attualmente, a mio parere, l’unico modo per prendere il toro per le corna, infatti conoscere il nome del proprio nemico significa sconfiggerlo già per metà. Lo consiglio a tutte le persone che conosco e che, secondo me, presentano i sintomi tipici di una intossicazione cronica di metalli pesanti, bambini compresi.

  4. giovanni

    Soffrivo spesso di Herper Simplex accompagnata poi da manifestazioni cutanee sul palmo delle mani e dei piedi. Ho fatto diverse visite specialistiche anche da noti professori della città in cui vivo, senza avere una risposta concreta tranne che utilizzare cortisone! Grazie a mio cognato sono venuto a conoscenza del MineralG Test. Per farla breve posso dirvi con certezza che dopo la somministrazione dei minerali la situazione è nettamente cambiata. Nel mio caso hanno riscontrato un eccesso di alluminio ed altri minerali. Ora la consiglio a tutti i miei pazienti! Giovanni.

  5. rosalda

    sono al secondo ciclo in intengrazione per il riequilibrio dei minerali, il primo m.test evidenziava molto mercurio e allumio, il mio organismo aveva preso una brutta degenerazione, va molto meglio, ho eliminato quasi tutto il mercurio oggi ho iniziato ad assumere quelli per eleminare l’alluminio. Il dott, Rossi e’ una persono molto seria, magari l’avessi incontrato prima.

  6. Aldo

    c’e una grossa problematica sul mineral test non è riconosciuto dalla medicina di base…… perche’

    • Andrea Porkolab

      Scusi Aldo, ma Le copio la risposta che avevo dato poco sopra. E’ necessario precisare che il mineralogramma (cioè l’analisi dei minerali dei capelli utilizzata nel metodo Mineral Test) è riconosciuto dalla medicina ufficiale! Infatti è RACCOMANDATO dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) per il biomonitoraggio del mercurio nelle popolazioni; è stato utilizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (analisi dei capelli dei bambini di Montalto di Castro) e dal CNR di Pisa (analisi di giovani donne nella zona di Priolo, Sicilia); ASL di Trento; ….. Su PubMed (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/), biblioteca informatica mondiale di pubblicazioni medico scientifiche, digitando le parole chiave -hair mineral analysis- si trovano ben 579 lavori su questa metodica. Quindi è vero che purtroppo non è ancora riconosciuto dal SSN (Servizio Sanitario Nazionale) e l’ottenimento di questo riconoscimento è proprio uno degli obiettivi di Mineral Test. Quindi non è vero che non è riconosciuto dalla medicina ufficiale, casomai è POCO conosciuto.

  7. Andrea Porkolab

    Vedi sopra!

  8. anna rotundo

    vorrei far fare il test a mio marito che è affetto da sclerosi multipla. Vorrei informazioni su dove e come effettuare il test, preciso che noi siamo di catanzaro. Aspetto cortesemente una vostra mail con le indicazioni richieste. Ringrazio anticipatamente per l’attenzione che vorrete avere nei miei riguardi

  9. Rosa

    Salve sono Rosa, vorrei sapere se il (test raiscan per intolleranze) può sostituire il ( mineral test )soffro di forti mal di testa da quando ho fatto digli impianti dentali. vorrei sapere anche dove e come fare il mineral test se questo dovesse essere necessario
    grazie

  10. ROSA MARIA GAGLIANO

    vorrei sapere come fare per essere sottoposta al mineral test

  11. riccardo

    Sorge spontanea una domanda, ma in caso di metalli presenti in bocca, amalgame o altro, qualsiasi tipo di chelazione sarebbe inefficace, se prima non ci si libera di quest’ultime? o sbaglio?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6358 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 437 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 519 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7993 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7994 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7998 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8000 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6585 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7999 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7997 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7995 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7990 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 510 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11796 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7375 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7996 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6847 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7992 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 340 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 409 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6178 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7138 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 494 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 206 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1199 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7947
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY