Wise Society : Il buon design che include i meno fortunati

Il buon design che include i meno fortunati

di Donatella Pavan, Sara Donati
18 Giugno 2012

L'imprenditoria che non dimentica chi ha bisogno, raccontata da Giuliana Zoppis

Giuliana Zoppis, architetto e giornalista, racconta alcune esperienze di Buon Design. Credere nei valori di una società civile che sa coinvolgere anche le persone disagiate o in difficoltà, comporta il coinvolgimento di tutte le parti in causa e a tutti i livelli: dall’ideazione alla produzione.

 

 

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: , ,
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 34 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 579
Correlati in Wise
 
DALLA COMMUNITY