Wise Society : Boateng: un gol contro il razzismo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Boateng: un gol contro il razzismo

Oggi, 21 marzo, il giocatore del Milan è ospite delle Nazioni Unite in occasione della Giornata Internazionale per l'Eliminazione delle Discriminazioni Razziali. Questa volta la notorietà del personaggio catalizzerà l'attenzione su un problema importante e ancora irrisolto

Francesca Tozzi
21 marzo 2013

Image by © Pierpaolo Ferreri/CorbisKevin Prince Boateng, calciatore tedesco di origine ghanese, diventa ancora una volta simbolo della lotta contro il razzismo: è ospite delle Nazioni Unite in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione delle Discriminazioni Razziali che si tiene oggi, 21 marzo, a Ginevra.

Il giocatore del Milan, famoso tanto per il suo gioco aggressivo quando per i suoi amori con la bella Melissa Satta, aveva fatto parlare di sé dopo aver scagliato il pallone in tribuna lo scorso 3 gennaio durante un’amichevole con la Pro Patria: una reazione ai cori razzisti in seguito alla quale la partita era stata sospesa. Boateng è stato invitato dall’Onu per un importante momento di riflessione che quest’anno si concentra proprio sul tema “Sport e Razzismo: diamo un calcio al pregiudizio“.

Il suo è stato un gesto forte in un contesto ad alta visibilità come quello del calcio: è quindi un buon testimonial per sensibilizzare al tema quante più persone possibile, e soprattutto i giovani. L’evento coinvolgerà sia il quartier generale delle Nazioni Unite di New York, sia quello di Ginevra. In un’altra recente occasione il calcio si è schierato contro le discriminazioni razziali: il 15, 16 e 17 marzo negli stadi della Serie A è stato esposto uno striscione contro il razzismo e i capitani delle squadre hanno letto un messaggio di sensibilizzazione mentre sugli spalti sono state distribuite migliaia di fotografie dei giocatori più rappresentativi del campionato con lo slogan “Espelli il razzismo”. Boateng potrà anche non piacere a qualcuno ma questo è un bel gol.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 252 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20296 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20295 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6855 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2907 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1537 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 458
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY