Wise Society : Per un pc ecosostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

Per un pc ecosostenibile

La raccolta differenziata dei piccoli e grandi elettrodomestici fa bene all'ambiente: nel 2012 grazie alla corretta gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici si è evitato di immettere in atmosfera oltre 1.200.000 ton di Co2

Francesca Tozzi
15 gennaio 2013

sostenibilità ambientale riuso rifiuti riciclo RAEE raccolta differenziata elettrodomestici Ecodom CO2Si chiamano RAEE e non molto tempo fa molti di noi nemmeno sapevano cosa fossero. Eppure questa sigla – che sta per Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche – nasconde una serie di oggetti di uso comune, strumenti di svago e di lavoro dei quali ormai non riusciamo più a fare a meno: dal televisore al computer, dal frigorifero al forno, e via dicendo.

Proprio per questo riuscire a gestirli e smaltirli in modo corretto sta diventando sempre più importante per l’equilibrio dell’ecosistema. Ci è riuscito Ecodom, il Consorzio Italiano per il Recupero e il Riciclaggio degli Elettrodomestici, che nel corso del 2012 in Italia ha raccolto ben 71.800 tonnellate tra frigoriferi, condizionatori, scalda-acqua, lavatrici, lavastoviglie, forni e cappe ricavandone 46.468 tonnellate di ferro, 1.722 tonnellate di alluminio, 1.328 tonnellate di rame e 5.892 tonnellate di plastica.

I vantaggi per l’ambiente sono stati notevoli: non solo si è evitata l’immissione in atmosfera di oltre 1.200.000 tonnellate di anidride carbonica (CO₂) ma l’utilizzo delle materie prime (ferro, alluminio, rame e plastica) ottenute dal riciclo di questa ingente mole di elettrodomestici ha consentito, nel 2012, un risparmio di circa 134.000.000 kWh di energia elettrica  rispetto a quanto necessario per ottenere le stesse quantità di materie prime “vergini”.

Qual è la Regione più virtuosa e sostenibile nella gestione dei RAEE? Dall’analisi sull’attività 2012 effettuata da Ecodom risulta essere la Lombardia con 12.250 tonnellate di RAEE trattati, pari a 22.195.000 kWh di energia risparmiata e 203.000 tonnellate di CO2 non immesse nell’atmosfera. Non è la prima volta che si piazza in cima alla classifica e forse non c’è da stupirsene visto il suo tenore di vita medio e la densità di una città ad alta tecnologia come Milano. Segue il Veneto con 7.323 tonnellate, pari a 13.339.000 kWh di energia risparmiata e 122.000 tonnellate di CO2 non immesse nell’atmosfera. Al terzo posto la Sicilia con 6.967 tonnellate di RAEE, pari a 12.286.000 kWh di energia risparmiata e 110.900 tonnellate di CO2 non immesse nell’atmosfera.

È bene ricordare che alla base del lavoro di riciclo e riuso di questi rifiuti particolari c’è il contributo dei singoli cittadini senza i quali non sarebbe possibile: sono loro, infatti, che devono ricordarsi di fare sempre una corretta raccolta differenziata dei RAEE che possono conferire alle isole ecologiche. Dal 2010 c’è anche un’altra possibilità: riconsegnare gratuitamente il rifiuto direttamente al rivenditore all’atto dell’acquisto di un’apparecchiatura della medesima tipologia, la cosiddetta formula “uno contro uno”. Così, se si compra per esempio un elettrodomestico di classe A, si farà una scelta sostenibile dall’inizio alla fine.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1842 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12898 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 780 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1523 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11059 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 579 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3527
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY