Wise Society : “Milanificio”: cosa puoi fare per cambiare in meglio la città
SPECIALE : Cibo biologico
ARTICOLI Vedi tutti >>

“Milanificio”: cosa puoi fare per cambiare in meglio la città

È online il nuovo "social netmaking", lanciato dal capoluogo lombardo, che mette in rete buone idee, progetti (in diversi ambiti) e persone. All'insegna della cooperazione

Fiorenza Da Rold
2 aprile 2012

Assessore Stefano BoeriSi chiama Milanificio ed è una nuova realtà nata su Internet (online
dal 15 maggio) all’interno dell’associazione “Cambiamo Città. Restiamo a Milano“. A presentarla, circa un mese fa nel capoluogo lombardo, c’era anche l’assessore (cultura, moda e design) Stefano Boeri, che ha definito la nuova iniziativa un «dispositivo di social netmaking che trasforma la voglia di partecipare in energia positiva e operativa». Mentre sui social network di solito si parla, ci si scambiano idee e opinioni, sul social netmake del Milanificio si fanno progetti e si portano avanti cercando collaborazioni, per intraprendere attività reali, orientate anche a suscitare nuove proposte di politica economica per uscire dalla crisi. E utlizzando gli strumenti del Web 2.0 per migliorare la qualità della vita in tutti i modi possibili, sostenibili, auspicabili.

Come funziona? Punto di partenza sono i cantieri: di cultura, lavoro,  civismo buone prassi, dove si entra anche solo per curiosare: chi incontra per affinità un progetto che corrisponde ai propri interessi, clicca “Collabora“, e si trova inserito in una squadra operativa dove è possibile mettere a disposizione le proprie risorse personali: competenze, tempo, spazi, idee. Invece chi ha una buona idea imprenditoriale, e voglia di realizzarla insieme ad altre persone, può subito inaugurarne un altro cliccando su “Apri un Cantiere”: c’è spazio per i privati, ma anche per le istanze delle associazioni.

L’importante è riuscire a costruire insieme, mattone dopo mattone, l’innovativo oggetto del desiderio. Parola d’ordine: cooperazione. Principio ispiratore: l’unione fa la forza. Obiettivo: creare nuove opportunità con tutti gli strumenti di lavoro possibili, seguendo i democratici e meritocratici meccanismi del crowdsourcing (vinca il migliore) applicati con efficienza sul territorio grazie alla geolocalizzazione.

Dalla ex “Milano da bere” alla nuova metropoli che nutre


verde pubblico trasporto e sostenibilità strategie antitraffico Stefano Boeri social network riqualificazione urbana rifiuti qualità della vita pulizia progetti opportunità opinioni Milanificio giuliano pisapia giovani e lavoro geolocalizzazione filiera corta Expo 2015 cultura crisi cooperazione consumo critico consigli per gli acquisti condivisione comunicazione collaborare chilometro zero cascine cantieri buongoverno buone pratiche biologico autoproduzione alimentazioneExpop Milagro
per esempio sarà un film documentario sulla Milano agricola e sulle sue cascine, pensato in prospettiva al grande evento Expo 2015 che ha per tema “Nutrire il pianeta”: chiunque è invitato a partecipare se in possesso di documenti, immagini, tracce, ricordi; oppure per segnalare luoghi dove si coltivano i prodotti della terra, e contatti con persone che se ne occupano.

Il risultato sarà un film collettivo che girerà nei circuiti milanesi per mostrare una città inedita, eppure esistente e resistente nonostante le minacce edilizie degli ultimi anni. Sempre su questo tema si sta muovendo il cantiere “KilometroZero”: il primo di una rete di negozi civici (uno per ogni zona della città) dove acquistare cibi più ecologici a prezzi più economici, aperto anche alla sera come punto di aggregazione per virtuosi scambi culturali e commerciali, ideale per affrontare tempi di crisi e nel contempo sostenere l’agricoltura a filiera corta delle cascine vicine a Milano.

Con l’intento quindi anche di creare occupazione in attività che riducono il consumo di risorse/energia/rifiuti. Si cercheranno finanziamenti attraverso bandi pubblici, e anche persone competenti in grado di insegnare le buone prassi nell’ambito dell’alimentazione e dell’autoproduzione: corsi frequentabili dai cittadini della stessa zona che saranno così facilitati a incontrarsi, a conoscersi e a collaborare, creando sempre nuove opportunità.

verde pubblico trasporto e sostenibilità strategie antitraffico Stefano Boeri social network riqualificazione urbana rifiuti qualità della vita pulizia progetti opportunità opinioni Milanificio giuliano pisapia giovani e lavoro geolocalizzazione filiera corta Expo 2015 cultura crisi cooperazione consumo critico consigli per gli acquisti condivisione comunicazione collaborare chilometro zero cascine cantieri buongoverno buone pratiche biologico autoproduzione alimentazioneverde pubblico trasporto e sostenibilità strategie antitraffico Stefano Boeri social network riqualificazione urbana rifiuti qualità della vita pulizia progetti opportunità opinioni Milanificio giuliano pisapia giovani e lavoro geolocalizzazione filiera corta Expo 2015 cultura crisi cooperazione consumo critico consigli per gli acquisti condivisione comunicazione collaborare chilometro zero cascine cantieri buongoverno buone pratiche biologico autoproduzione alimentazioneAltro progetto in corso è “1strappo?”, possibile nuova forma di trasporto urbano socializzato che incrocia domanda e offerta di piccoli passaggi dentro e fuori da Area C: come su un tabellone ferroviario si segnaleranno brevi spostamenti in città, con i dettagli per contattarsi e mettersi d’accordo. E durante i brevi viaggi, c’è anche
caso che possano nascere belle amicizie.

“Andiamo a canestro” invece è una campagna di reclutamento rivolta a chi desidera contribuire al mantenimento della pulizia e del decoro urbano nel suo
quartiere: si adotta una via aggregandosi ad altri vicini di casa per raccogliere cartacce o rifiuti e cestinarli. Una specie di guerrilla cleaning che induce a uscire di casa e a mettersi in movimento, diffondendo l’idea di una città che appartiene a ogni singola persona. Ed è solo l’inizio. Perché si aggiungeranno altri cantieri, e quelli più apprezzati si organizzeranno per diventare nuove realtà.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 329 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11456 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 358 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7955 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8429 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11453 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7588 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9486 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8657 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1233 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 179 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6166 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6397 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 83 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2906 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1633 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1844 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6796 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11455 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6262 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9191 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11452 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11454 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2549 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9717 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11457 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 656 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 566 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6463 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3127 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1905 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6774 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6291 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2584
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY