Wise Society : Accosto al lampione a fare rifornimento
SPECIALE : Mobilità sostenibile
ARTICOLI Vedi tutti >>

Accosto al lampione a fare rifornimento

A Berlino grazie al progetto dell'azienda Ubitricity, i lampioni delle strade vengono adattati a costi ridotti e fungono da stazione di ricarica per le auto elettriche.

13 gennaio 2015

Foto: ubitricity by Robert LehmannL’idea è vincente e destinata a rivoluzionare la modalità del trasporto in tutto il mondo. Se le auto elettriche hanno problemi di alimentazione dato che una ricarica dura un centinaio di chilometri al massimo e se costruire una stazione di ricarica costa ancora molto (10.000 euro circa), ha bisogno di spazi e autorizzazioni perché non convertire strutture esistenti e disseminate nelle strade urbane e extraurbane del mondo come i lampioni?

Ci hanno pensato in Germania a Berlino dove, grazie ad un progetto pilota realizzato dall’azeinda Ubitricity in collaborazione con la compagnia elettrica locale Stromnetz Berlin Ltd, alcuni pali sono già diventati stazioni di ricarica a tutti gli effetti. Per convertire un palo della luce a LED in stazione di carica, infatti, basta installare una presa alla quale i proprietari delle auto attaccano il loro cavo eliminando così i costi della tecnologia necessaria. E avendo già autorizzato il pagamento tramite una carta prepagata, si può ricaricare facilmente e velocemente.

«Il problema principale delle auto è che non si trovano sempre nello stesso punto e che hanno bisogno di essere ricaricate ovunque si trovino. Ci sono un sacco di pali già collegati alla rete elettrica e adattarli costa tra i 300 e i 500 euro», racconta Frank Pawlitschek fondatore di Ubitricity. Il progetto è destinato ad espandersi e si prevede che diventeranno 800 i pali adattati entro la fine dell’anno.

Un progetto a così basso costo e impatto ambientale che comincia a essere replicato anche in altre città del mondo. Come a Pechino dove la Commissione municipale di Scienza e Tecnologia ha trasformato otto lampioni in stazioni di carica.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8308 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2778 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20638 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23650 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 643 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 509 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23648 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21130 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 23649
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY