Il buon design che include i meno fortunati

Donatella Pavan, Sara Donati
18 giugno 2012

Giuliana Zoppis, architetto e giornalista, racconta alcune esperienze di Buon Design. Credere nei valori di una società civile che sa coinvolgere anche le persone disagiate o in difficoltà, comporta il coinvolgimento di tutte le parti in causa e a tutti i livelli: dall’ideazione alla produzione.

 

 

Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 244 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 34 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7671 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6390 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13187 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13755 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1973 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13756 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 126 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 579
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY