ASviS

“L’ASviS contribuisce al futuro della sostenibilità attraverso le attività di 17 gruppi di lavoro dedicati a ciascun SDG e di gruppi che si occupano delle dimensioni trasversali dell’Agenda 2030. Quest’anno ha avviato il Festival dello Sviluppo Sostenibile, una campagna di sensibilizzazione che si pone l’obiettivo di influenzare i comportamenti politici, economici e la cultura della sostenibilità”.

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile – ASviS è nata il 3 febbraio 2016 su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per sensibilizzare la società italiana, i soggetti economici e le istituzioni sull’importanza dell’Agenda 2030 allo scopo di realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). L’Alleanza riunisce attualmente oltre 160 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile che si occupano di questioni legate agli SDGs.

Festival dello Sviluppo Sostenibile

Quest’anno l’ASviS ha organizzato il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile: una grande manifestazione di sensibilizzazione e di elaborazione culturale-politica diffusa su tutto il territorio nazionale volta a promuovere un cambiamento culturale e di comportamenti individuali e collettivi, stimolando una domanda «dal basso» nei confronti delle leadership per decisioni orientate alla sostenibilità. La prima edizione del Festival, realizzata grazie al prezioso impegno degli aderenti dell’Alleanza, della Rete delle Università Sostenibili e delle realtà interessate ai temi della sostenibilità, si è svolta dal 22 maggio al 7 giugno: 17 giorni (uno per ogni Obiettivo di sviluppo sostenibile) durante i quali si sono tenuti oltre 200 eventi tra convegni, rassegne cinematografiche, spettacoli, flashmob e molto altro, il tutto per richiamare l’attenzione sull’Agenda 2030 dell’Onu. La manifestazione è stata accolta con grande entusiasmo dalle organizzazioni della società civile e del mondo accademico, e i numeri lo dimostrano: 221 gli eventi; oltre 46mila gli utenti che con più di 110mila visualizzazioni hanno navigato sul sito del Festival; più di quattro milioni le persone raggiunte tramite i social media dell’ASviS; oltre 2.300 i relatori; e decine di migliaia i partecipanti, tra governo, imprese, esperti, docenti, cittadini non addetti ai lavori e giovani.

Il Festival ha generato un fruttuoso dialogo, basti pensare che durante l’evento “Aziende e finanza 2030: il motore dello sviluppo sostenibile”, tenutosi a Milano il 1° giugno, i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali hanno sottoscritto una dichiarazione in cui si impegnano al raggiungimento degli SDGs. Inoltre, all’indomani dell’evento conclusivo – in cui il Presidente del Consiglio Gentiloni ha accolto molte proposte dell’ASviS sui contenuti e la governance della Strategia nazionale di sviluppo sostenibile- è stata firmata dai sindaci delle Città metropolitane la “Carta di Bologna per l’ambiente”. Anche i comuni italiani si sono impegnati con la bozza di Agenda per lo sviluppo urbano sostenibile.

Articoli correlati su wisesociety.it