WISE PEOPLE Vedi tutti >>
Chen Guangbiao

Chen Guangbiao

imprenditore
Multimilionario, filantropo, titolare di un'impresa che si occupa di riciclo di materiali con la passione delle tematiche ambientali, Chen non dimentica la sua infanzia difficile. Da qui la sua attenzione per i deboli che lo ha portato a sostenere con generose donazioni le vittime dei terremoti e degli tsunami. Ama provocare con iniziative curiose come la distribuzione di lattine di aria fresca e pura ai cittadini di Pechino oppressi dallo smog
Multimilionario, filantropo, titolare di un'impresa che si occupa di riciclo di materiali con la passione delle tematiche ambientali, Chen non dimentica la sua infanzia difficile. Da qui la sua attenzione per i deboli che lo ha portato a sostenere con generose donazioni le vittime dei terremoti e degli tsunami. Ama provocare con iniziative curiose come la distribuzione di lattine di aria fresca e pura ai cittadini di Pechino oppressi dallo smog
Biografia
6 Febbraio 2013
Chen Guangbiao è un multimilionario e filantropo cinese di 42 anni. Titolare di un'impresa che si occupa di riciclo di materiali e già attivo nel settore della demolizione di edifici, nasce in una famiglia molto povera. La sua infanzia non è stata facile, per questo ha deciso che mai avrebbe sofferto quegli stenti che causarono la morte di alcuni suoi familiari. Da una decina d'anni si interessa di problematiche ambientali. La sua notorietà è dovuta soprattutto alle generose donazioni elargite alle vittime dei disastri naturali. Nel 2008, per esempio, arrivò nel Sichuan dopo il terremoto con una schiera di macchinari pesanti per estrarre i corpi dalle macerie. E aiutò i giapponesi colpiti dallo tsunami del 2011 distribuendo beni e denaro alla popolazione in difficoltà. È anche famoso per le sue trovate di marketing. Ha demolito una Mercedes Benz e regalato 5.000 biciclette. La sua ultima iniziativa all'inizio del 2013 a Pechino dove ha distribuito lattine di aria fresca e pura alla popolazione per protestare contro i livelli di guardia raggiunti dallo smog. Si autodefinisce come il numero uno fra i filantropi e gli ambientalisti del suo Paese e vuole che il suo nome resti impresso nella storia cinese