Design per divertire la mente

Chiara Bondioli, Paolo Robaudi
17 novembre 2011

L’oggetto di design industriale è nato per unire bellezza e creatività a una funzione d’uso ben precisa. Ma cosa succede quando si creano oggetti un po’ fannulloni, deboli nella loro valenza pratica, ma utili a ristorare la mente? Michele Barberio e Martin Smith, provenienti da due diversi angoli della terra, ci invitano a provare questo design per divertire la mente

Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 34 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8144 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1217 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8143 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8148 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8146 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8145 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8147
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY