Wise Society : Tuina: il massaggio cinese per i bambini
ARTICOLI Vedi tutti >>

Tuina: il massaggio cinese per i bambini

Con manovre semplici, brevi e indolori che risvegliano l'energia, si possono risolvere i piccoli disturbi dei nostri figli. E comunicare affetto

Laura Vannossi
10 Giugno 2010

Mother Massaging Baby's Forehead, by Stella/fstop/Corbis

Tui, spingere, Na, afferrare. Il tuina è un massaggio che si basa sui principi della manipolazione di zone o punti particolari dell’organismo per stimolarlo a combattere le malattie.

Facile da apprendere, efficace, privo di effetti collaterali e indolore, è adatto ai bimbi fino a otto anni e ha lo scopo di far circolare l’energia nell’organismo, ristabilendo così l’equilibrio, e la salute. Non solo: uno dei grandi meriti di questa tecnica è quello di rafforzare il legame affettivo del bimbo con i suoi genitori e di mettere questi ultimi in grado di intervenire tempestivamente sul problema.

«Quando il bambino non sta bene, avere mamma o papà che amorevolmente si prendono cura di lui e si danno da fare per aiutarlo è già una terapia”, spiega il dottor Renato Crepaldi, medico agopuntore e docente dell’ Accademia di Medicina Tradizionale Cinese di Bologna.  Il Tuina pediatrico offre ai genitori uno strumento in più per affrontare con maggiore serenità i piccoli malessere dell’infanzia come le malattie da raffreddamento ricorrenti, i disturbi digestivi (comprese le coliche gassose del lattante) e l’insonnia.

Pur trattandosi di tecniche abbastanza semplici il primo consiglio per i genitori è quello di apprenderle da una persona esperta di medicina tradizionale cinese E’ fondamentale poi che i genitori si cimentino con il massaggi: nei nostri ambulatori oltre a suggerire le tecniche semplici diamo informazioni sulla dinamica energetica e sui principi fondamentali della MTC, che è meglio conoscere piuttosto che ripetere senza sapere qual è il senso.

Baby Lying on Stomach, Hands Posed Over Baby for Massage, by Frederic Cirou/PhotoAlto/Corbis

Il massaggio Tuina può essere praticato anche senza svestire il bambino. “Le singole manipolazioni fatte con le mani di solito non durano più di dieci minuti”, osserva il dottor Crepaldi. “Dovrebbero essere leggere, equilibrate ed effettuate con modalità che risultano gradite al piccolo. Non sono necessari unguenti; se proprio si vuole, si può utilizzare olio di sesamo o di mandorle”.

 

An Adult Massaging a Baby's Heel, by Stella/fstop/CorbisSe il bambino ha dolori addominali un massaggio lieve e circolare in senso orario che ha come punto di partenza l’ombelico è la cosa più indicata. La manovra viene effettuata con i polpastrelli dell’indice, del medio e dell’anulare. “In questo modo”, aggiunge Crepaldi, ” si stimolano punti di agopuntura che hanno un’azione diretta sull’apparato digerente (stomaco ed intestino). La frizione leggera provoca inoltre una sensazione di calore che aiuta la peristalsi intestinale (che può essere bloccata dal freddo sia interno che esterno) e calma il dolore”. In alternativa, si può semplicemente massaggiare con il solo indice e in modo circolare la zona intorno all’ombelico. Si possono eseguire entrambe le manovre in sequenza per almeno cinque minuti.

Il massaggio circolare è molto indicato nelle coliche dei primi mesi, ma è importante anche seguire un’alimentazione corretta. La madre che allatta dovrebbe rivedere la propria alimentazione: è necessario assumere cibi semplici e facilmente digeribili, evitare di consumare troppi zuccheri e grassi e adottare tecniche di cottura semplici.

Nelle sindromi da freddo si opta per un massaggio riscaldante. Due i punti principali. Il primo è lo spazio che si trova in mezzo agli occhi. Qui il massaggio, sempre circolare, deve essere eseguito con il polpastrello del dito indice con una pressione lieve. Un altro punto indicato dalla medicina tradizionale cinese è quello della mano. In questo caso il genitore “pinza” la mano del piccolo con l’indice, che farà da sostegno, e con il pollice esegue un massaggio circolare. Accanto al massaggio potrebbe essere utile, per un bambino di almeno due anni, llo zenzero fresco in tisana. Tre o quattro pezzi in acqua bollente con un cucchiaino di zucchero di canna. E’ una bevanda molto gradevole ed efficace.

Per i lattanti con ritmo sonno veglia disturbato occorre lavorare su tre punti: è consigliato un massaggio molto lieve con il polpastrello del dito medio sulle sopracciglia e sulle tempie. L’altra zona indicata è quella dorsale, lungo i muscoli paravertebrali fino al giro vita. Anche in questo caso prediligere un massaggio lieve con il dito medio.

Informazioni: Accademia di Medicina Tradizionale Cinese, Bologna: www.agopuntura-sowen-gsss.it

Centro Studi Sowen, Milano: www.sowen.it

S.I.A  Società Italiana di Agopuntura: www.sia-mtc.it

© Riproduzione riservata
TOPICS:
Continua a leggere questo articolo: