Wise Society : Il sangue cordonale si può e si deve donare
ARTICOLI Vedi tutti >>

Il sangue cordonale si può e si deve donare

La pratica, ancora poco diffusa, è una risorsa unica per i pazienti in attesa di trapianto di midollo osseo

Fabio Di Todaro
21 Luglio 2014

Image by © JGI/Jamie Grill/Blend Images/CorbisBasta che la gravidanza sia andata avanti senza complicanze e che nessuno dei due genitori presenti alterazioni del corredo genetico. Dopodiché la procedura è aperta a tutti: senza alcun rischio per mamme e bambini. La donazione del sangue cordonale è ancora poco diffusa: per procedere serve personale qualificato e non in tutti i reparti di ginecologia e ostetricia c’è personale adeguatamente formato. Ma alla base di numeri sicuramente migliorabili c’è anche una scarsa informazione. Molte donne, infatti, nemmeno chiedono di poter donare il sangue contenuto nel cordone ombelicale, spaventate dalle possibili conseguenze.

PERCHÉ DONARE IL SANGUE CORDONALE? – Preziosa fonte di cellule staminali, il sangue contenuto all’interno del cordone ombelicale è una risorsa unica per i pazienti in attesa di trapianto di midollo osseo: poco meno di quattromila in Italia nel 2013. Le difficoltà a reperire donatori di midollo compatibili hanno spinto i ricercatori alla ricerca di nuove fonti: da qui l’individuazione delle staminali emopoietiche, dotate di una maggiore capacità di riprodursi e dare origine a svariate linee cellulari. «Quando si va verso un trapianto, l’ideale sarebbe prelevare il midollo osseo da un fratello compatibile, presente però soltanto nel 25% dei casi – afferma Giuseppe Aprili, direttore dell’unità operativa di medicina trasfusionale dell’azienda ospedaliero-universitaria di Verona -. Ecco perché aver scoperto quest’altra fonte può rappresentare una salvezza per moltissime persone».

MASSIMA SICUREZZA – Sono così nate nei primi anni ’90 le banche del sangue cordonale: a partire da New York, Parigi e Milano. Oggi se ne contano poco più di centoquaranta nel mondo, 19 delle quali in Italia. I raccolti, finora, sono abbastanza soddisfacenti. Oltre seicentomila le unità di sangue raccolte sull’intero pianeta, poco più di trentamila lungo la Penisola: pari al 5% della quota mondiale. Ma basta rapportare questi dati ai numeri delle nascite per capire quanto siano migliorabili. Oltre a essere una procedura assolutamente sicura per la mamma e per il neonato, la donazione di sangue cordonale ha un rischio bassissimo di trasmissione di malattie infettive attraverso il trapianto. «La mamma viene sottoposta a tutti gli esami specifici prima del termine della gravidanza, durante il ricovero e sei mesi dopo il parto. Lo stesso si fa con il bambino: subito dopo la nascita e al compimento del sesto mese. Ecco perché i rischi risultano abbattuti». L’ultimo vantaggio è per i donatori che, in qualsiasi momento, possono trovare il sangue compatibile e non dover attendere un donatore che, al momento opportuno, potrebbe essere difficile da trovare.

Image by © BURGER/PHANIE/phanie/Phanie Sarl/CorbisQUALI OPPORTUNITÀ? – Il trapianto di cellule staminali emopoietiche – in questo caso allogenico: con il paziente che le riceve da un donatore compatibile – è oggi il trattamento di scelta per malattie neoplastiche e del sangue: dalla leucemia linfoblastica acuta all’anemia aplastica, dalle leucemie mieloidi (acute e croniche) all’anemia di Fanconi, dai linfomi alle talassemie. Per arrivare ad altre patologie: per fortuna piuttosto rare. Ecco spiegata l’utilità di una donazione del tutto indolore: il prelievo avviene con una puntura del cordone ombelicale, a taglio avvenuto, dopodiché il campione viene inviato presso la banca per essere valutato e, se idoneo, congelato. Chi può, dunque, non ha motivo per tirarsi indietro.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22766 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22765 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13460 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22767 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22764 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22769 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 22768
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY