Wise Society : Discipline olistiche: benefici e costi dell’osteopatia
ARTICOLI Vedi tutti >>

Discipline olistiche: benefici e costi dell’osteopatia

Riconosciuta dall'OMS tra le "Medicine non Convenzionali", questa tecnica innesca nell'organismo un processo virtuoso di autoguarigione. Ecco indirizzi, centri, scuole

Fiorenza Da Rold
23 Agosto 2012

Image by © Jutta Klee/ableimages/CorbisLa prima visita dall’osteopata è sempre un’esperienza interessante: prima vi chiederà di raccontare nei dettagli la vostra storia clinica, poi vi esaminerà con attenzione in piedi, seduti e mentre camminate. L’osteopata ha sviluppato un particolare senso del tatto per individuare le tensioni anche minime che sono all’origine di tanti disturbi. Ma come è bene regolarsi per trovare l’esperto giusto?

Esiste dal 1989 il Registro Italiano degli Osteopati (ROI), con sede a Torino (tel. 011 6503195), che svolge attività di governance deontologica, culturale e professionale: basta compilare un form all’interno del sito indicando la regione e la città per ricevere nominativi qualificati, oppure chiedere informazioni via mail alla segreteria.

C’è anche il portale Tuttosteopatia, dove trovare informazioni sulla storia dell’osteopatia, compresi gli aggiornamenti scientifici.

E poi in tutta Italia ci sono le Scuole, centri di formazione riconosciute dal ROI alle quali rivolgersi per consigli e consulenze. A Milano l’Istituto Italiano di Osteopatia (www.isoi.it) a Roma il Centre pour l’Étude, la Recherche et la Diffusion Ostéopathiques (www.cerdo.it) a Torino, Firenze, Sartirana (PV) e Urbino la Scuola Italiana di Osteopatia e Terapie Manuali (www.siotema.it) a Genova, Torino e Cagliari l’Istituto Europeo per la Medicina Osteopatica (www.univerosteo.it) a Bologna e Ancona il Centro ricerche Studi Osteopatici (www.osteopatiacreso.com).

Una seduta osteopatica dura circa 30 minuti e il costo, variabile secondo i diversi terapeuti, si aggira intorno ai 60-120 euro. Anche il numero di sedute varia secondo i casi: per le patologie più semplici può bastare anche una sola volta, altrimenti si procede con ulteriori trattamenti sempre distanziati nel tempo per dare modo ai circuiti neurali di adattarsi al nuovo equilibrio. In caso di disturbi cronicizzati, in genere si raggiunge un miglioramento stabile dopo 5/6 sedute.

Salva

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
Franco Giacintucci
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

11 risposte a Discipline olistiche: benefici e costi dell’osteopatia

  1. Wimala Kuruneru

    Vorrei gentilmente entrare in contatto con una terapista di tecnica Bowen. Possibilmente con Federica Cerro. Grazie . Wimala.

  2. Deborah

    Vorrei un bravo osteopatia nella zona di montopoli Val d’arno Pisa e nella zona di Altopascio Lucca o anche Montecatini grazieu

    • Claudia

      Ciao Deborah. Io sono stata da Valerio Zucconi che visita a Chiesina Uzzanese. Mi sono trovata benissimo. E’ iscritto al R.O.I. in piu’ ha molti anni di esperienza. So che ci vanno persone da tutta Italia, non solo toscani. Il numero di telefono è il seguente 0572/419014. Spero di esserti stata utile

  3. anch’io vorrei conoscere un bravo osteopata nella zona di lucca .potete aiutarmi?

  4. Chiara

    Qualcuno ha conosciuto o provato l osteopata jacques lamarche che lavora a Milano? Vorrei un parere grazie

  5. Salve, sono Vincenzo Lioce, Osteopata Roma. Come l’esimio collega ha descritto nell’articolo, l’Osteopatia è una metodologia validissima coninfiniti campi di applicazione e pochissime controindicazioni. Sono perfettamente in linea con il Dottor Giacintucci con l’asserire che è fondamentale sapere nelle mani di chi andiamo a farci trattare.
    Proprio pere questo vorrei aggiungere che oltre al ROI, esistono altre associazioni ed altri enti altrettanto importanti e seri, che si occupano della professione dell’Osteopata e del riconoscimento della figura professionale. Vorrei quindi menzionare il CPO (Comitato Promotore Osteopatia) e la Confosteopatia. E’ un pò riduttivo definire il ROI come unico ente di controllo sull’Osteopatia, quanto è comunqiue vero che gli utenti iscritti al ROI sono dei validi professionisti, come quelli sicritti al SSION ed al CPO (che inoltre comprende molte delle scuole sopra menzionate dal collega).
    Sicuro di aver fornito un valido commento, ringrazio chiunque, come il Dottor Giacintucci, parla in maniera corretta di Osteopatia per poter diffondere e divulgare questa validissima professione.
    Vincenzo Lioce, Osteopata Roma. http://www.officinaolistica.com

  6. Enza

    Salve, ho notato che a Milano come principale scuola di osteopatia avete nominato ISO ma la SOMA è altrettanto buona? Grazie in anticipo per la risposta!

  7. fabio

    ROI O ALTRE ASSOCIAZIONI POCO IMPORTA, L’OSTEOPATA DEVE ESSERE UNA FIGURA PROFESSIONALE SANITARIA E RISPONDERE A REQUISITI SPECIFI DETTATI DAL MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE.
    Ora ho letto che ci vogliono sei anni come negli Stati uniti per diventare osteopata, qualcuno ha dimenticato di dire che 5 sono di medicina ed uno di osteopatia.
    Questo modo di presentare l’osteopatia ricalca solo interessi economici e non protegge l’osteopata ne il consumatore finale.
    Riguardo jacques lamarche io sono stato trattato da lui mi ero bloccato giocando a calcio in una seduta ha risolto, capiamoci sarei tornato volentieri ma troppo distante per fare un’altra seduta

  8. Marco G.

    È pazzesco..l’osteopatia oltre a non avere un minimo di evidence based medicine, è un tipo di approccio anacronistico, basti pensare ai principi base della stessa..alle leggi di Fryette..datate 1918…ai trattamenti cranio-sacrali..(no comment)……pensare poi che uno di questi osteopati possa al mattino fare il pescivendolo e al pomeriggio possa “trattare” dei pazienti è veramente fuori dal mondo..scusate lo sfogo ma è disarmante pensare come nel 2017 la poca informazione sia presente nel nostro tessuto sociale. Si diventa osteopati frequentando scuole o corsi privati che hanno l’unico scopo di spennare gli ignari discenti..qualche week end per 6 anni dietro corrispettivi 18k euro..facendo credere agli stessi di essere più preparati di vere e proprie figure sanitarie..se volete trattare PAZIENTI e riabilitarli laureatevi in Fisioterapia..Grazie

    • Alberto

      Cosa c’entra la fisioterapista con l’osteopatia?sono due discipline completamente differenti. Sai benissimo di cosa sto parlando. Inoltre tutte la varie scuole accreditate fanno entrare solo laureati tra i quali anche fisioterapisti. Informarsi prima di cianciare a vanvera. L’osteopatia è diventata ufficialmente professione sanitaria. Occhio alle frustrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11485 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14411 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11387 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8080 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14413 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8672 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14406 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14256 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14408 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14349 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14410 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 447 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14409 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 14417
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY