Wise Society : Turismo sostenibile: ai viaggiatori piace “green”

Turismo sostenibile: ai viaggiatori piace “green”

di Ilaria Lucchetti
26 Novembre 2012
SPECIALE : Vacanze sostenibili fra natura e patrimonio culturale

È una tendenza in continua crescita, sia nel nostro Paese che all'estero

foto di Sofitel So Mauritius Bel Ombre/flickrItaliani ed europei tutti d’accordo: il turismo sostenibile, ecologico e “green” ha una marcia in più.

A dirlo sono i risultati di una ricerca di mercato realizzata per il progetto Horeca e svolta su un campione di 25 mila persone, 3 mila delle quali italiane: stando ai dati, il 95,5% dei turisti preferisce strutture ricettive consapevoli, rispettose e attente all’ambiente. Di questa percentuale quasi bulgara di eco-fans, il 27,3% non bada nemmeno a un’eventuale richiesta economica superiore, mentre il 68,2% ammette di vacillare un po’ e di scegliere l’eco-hotel soltanto in caso di parità di prezzo.

Ma resta il fatto che i programmi ecologici, quando si parla di turismo, stanno riscuotendo un’attenzione sempre maggiore sia da parte degli ospiti che degli alberghi.

Allora quali sono le azioni che una struttura deve intraprendere per adeguarsi a questo trend? Il progetto Horeca, raggruppa una rete di imprese in grado di pensare, progettare e realizzare gli hotel del futuro, in base ai dettami del “green building”. Si tratta dei cosiddetti Smart&Green Hotel, alloggi caratterizzati da una progettazione strategica che porta a un’armonizzazione tra persone, edifici e impianti. Con il risultato di ottenere soluzioni di risparmio energetico e di contenimento dei consumi, di massima efficienza e di abbattimento dei costi.

In questo modo, si va incontro alle esigenze e ai gusti dei clienti, sempre più attenti alla salute del pianeta. Perché si può essere eco-friendly anche quando si va in vacanza.

 

 

 

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: ,
Continua a leggere questo articolo: