Wise Society : Turismo responsabile: in viaggio con IT.A.CÀ da Bologna al mondo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Turismo responsabile: in viaggio con IT.A.CÀ da Bologna al mondo

Dal 25 maggio al 2 giugno 2013, appuntamento in diverse città dell'Emilia Romagna con il Festival del Turismo Responsabile. Per incontrarsi e mettersi cammino. Anche attraverso un eco-concorso online

Laura Campo
28 Marzo 2013

Image by © Stephen Matera/Aurora Open/CorbisIl viaggio responsabile? Parte da casa e arriva a casa. Ecco la filosofia IT.A.CÀ Festival dedicato a questo modo di viaggiare che torna dal 25 maggio al 2 giugno 2013 a Bologna, Parma e altre città dell’Emilia Romagna. Sì, perché l’acronimo IT.A.CÀ (che significa ît a cà = sei a casa? in dialetto bolognese) allude a una qualsiasi casa, una qualsiasi Itaca da raggiungere, dove più che la meta conta il percorso e il modo in cui ci si mette in cammino.

Promosso e organizzato dalle associazioni Yoda, Cospe, Cestas e Nexus Emilia Romagna, con il patrocinio di AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), Comune e Provincia di Bologna, Regione e la collaborazione di molti altri soggetti, IT.A.CÀ Migranti e Viaggiatori ha l’obiettivo di favorire momenti d’incontro e condivisione capaci di coinvolgere i cittadini, riflettendo sull’idea del viaggio. Inteso non come semplice vacanza, evasione o svago, ma come un’esperienza per mettersi in gioco, accettare la sfida della scoperta dell’altro da sé (vicino o lontano).

Anche questa edizione (la V) offre un ricco programma di visite guidate volte a valorizzare il patrimonio culturale e storico del territorio, dibattiti e incontri, presentazione di libri, seminari, pranzi a Km 0 e cene esperienziali, concorsi, illustrazione e fotografia, mostre, concerti, proiezioni video e teatro. Con una novità in più, presentata da pochi giorni: il primo concorso online (aperto a tutti) per condividere esperienze e luoghi unici, nell’ottica del viaggio come esperienza autentica e responsabile.

Una nuova idea di ospitalità

Si chiama Adotta un Turista  è organizzato insieme a ViaggiVerdi ed è aperto a tutti. Per partecipare basta proporre un’idea di ospitalità innovativa ed ecosostenibile, che si dovrà realizzare e donare ai viaggiatori interessati attraverso il sito.

Può essere un itinerario in bicicletta alla scoperta di luoghi segreti della propria città, un pomeriggio nell’orto, un corso di cucina, una passeggiata in un luogo caro, o, più semplicemente, un posto a tavola o un divano per la notte.

Qualsiasi offerta che possa essere condivisa e che sia ecosostenibile. Le tre proposte di ospitalità più votate vinceranno 3 ecoweekend per due persone in tre strutture ricettive ecosostenibili sul territorio Parmense, appartenenti alla rete ViaggiVerdi. Per partecipare c’è tempo fino alla fine di maggio.

shutterstock

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20342 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6173 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 179 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1220 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 808
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY