Wise Society : Trekking urbano, scoprire le bellezze d’Italia a piedi
ARTICOLI Vedi tutti >>

Trekking urbano, scoprire le bellezze d’Italia a piedi

Una forma di sport dolce, adatto a tutte le età e a tutte le stagioni e un modo di fare turismo sostenibile, camminando a passo veloce per la città. Il trekking urbano permette di percorrere chilometri urbani alla scoperta delle bellezze più nascoste, mantenendosi in forma

Rosa Oliveri
28 Maggio 2021

Andare in giro per la propria città o esplorare uno dei tanti borghi italiani vicino casa. Si chiama trekking urbano ed è un modo strutturato di visitare i centri abitati e i loro luoghi meno frequentati, lasciandosi guidare solo dal piacere della scoperta. E, ovviamente, dal piacere di macinare chilometri a piedi. Una proposta di turismo lento e sostenibile, che rientra nel più vasto modello di viaggio a piedi.

Borgo italiano da visitare con trekking urbano

Foto di Ansgar Scheffold / Unsplash

L’associazione nazionale Trekking Urbano

Questo format, già utilizzato da varie associazioni e guide turistiche, nel 2002 a Siena ha trovato una suo riconoscimento con la nascita dell’associazione nazionale Trekking Urbano. Ogni anno, infatti, l’associazione nazionale lancia un tema specifico cui le proloco, gli uffici di promozione turistica o le associazioni private posso ispirarsi per organizzare la Giornata Nazionale del Trekking Urbano.

Si tratta di percorsi cittadini da affrontare a piedi – toccando monumenti d’arte, punti panoramici, botteghe artigiane, mercatini, trattorie di cucina tipica – che si trasformano in vere e proprie esperienze che permettono di godere delle meraviglie locali mentre si fa anche un po’ di sana attività fisica.

Da nord a sud passando per il centro e le isole tanti piccoli borghi, i percorsi strutturati di trekking urbano non mancano. E se l’ideale è farsi accompagnare da una guida specializzata per scoprire i segreti più reconditi delle città, nell’era del Covid, tra Dpcm e limitazioni, è anche possibile lasciarsi ispirare dalle indicazioni degli esperti per una passeggiata in solitaria o con il proprio nucleo famigliare.

Che cosa è il Trekking urbano

Il Trekking Urbano, come si legge sul sito dell’associazione nazionale “è una forma di sport dolce, adatto a tutte le età e a tutte le stagioni”. Gli itinerari possono variare per lunghezza e difficoltà, in modo da facilitare la scelta e la percorrenza da parte dei neofiti o dei più trekker urbani più esperti. Ma oltre a essere uno sport, è anche un nuovo modo di fare turismo: un turismo sostenibile e “vagabonding”, più libero e ricco di sorprese che privilegia gli angoli più nascosti e meno noti delle città d’arte italiane.

paesaggio

Foto di Datingscout / Unsplash

Quali sono i benefici per il trekker?

Il Trekking urbano, così come camminare fa bene allo spirito e alla mente e permette di mantenersi in forma. Come sottolineato sul sito: “Camminare a passo sostenuto per almeno 20 minuti consente, di bruciare circa 150 kilocalorie; di allontanare i rischi, legati a ipertensione, osteoporosi e di curare le conseguenze della vita sedentaria come stress, ansia, depressione. E non solo: i benefici sono anche per l’ambiente visto che si fa a piedi, non si usano trasporti e si decongestionano le località solitamente prese d’assalto.

Rosa Oliveri

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 828 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1666 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6948
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY