Wise Society : Porte aperte nelle fattorie didattiche pugliesi per la prima “notte bianca”

Porte aperte nelle fattorie didattiche pugliesi per la prima “notte bianca”

di Laura Campo
9 Giugno 2011

Appuntamento la sera del 18 giugno con "Masserie sotto lestelle" e un ricco programma di cene, degustazioni, laboratori, e visite nelle fattorie didattiche. Per scoprire tradizioni del mondo contadino, eccellenze e sapori di una terra ospitale: dal Gargano al Salento

È la prima “notte bianca” delle masserie didattiche di Puglia quella in programma il 18 giugno 2011 (dalle 18.30 in poi) per iniziativa dell’Assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione. Una novità nel panorama degli eventi rurali per far conoscere attraverso la convivialità e l’ospitalità tipiche del mondo contadino, tradizioni, sapori, eccellenze del territorio dal Gargano al Salento. Proprio per questo l’iniziativa “Masserie sotto le stelle” coinvolge soprattutto le fattorie e gli agriturismo (info e programma www.masseriesottolestelle.it) che valorizzano le pratiche agricole, insegnando a grandi e piccoli la promozione dei valori legati all’ambiente e all’alimentazione sana e consapevole. Strutture, quindi, che hanno diversificato la loro attività principale con iniziative varie che vanno dai laboratori ai mini corsi di degustazione di olio e vino, dalle lezioni di cucina dei piatti tipici della tradizione pugliese, alle lezioni di pizzica e taranta, dalle degustazioni guidate a mostre e percorsi legati alla scoperta dei valori e delle tradizioni del mondo rurale. Tanti e diversi gli eventi, cui si potrà partecipare in ogni azienda: dalla preparazione di formaggio, pasta e marmellate fatte in casa, alle cene contadine, dalle degustazioni di olio e  prodotti tipici a canti e balli popolari nei cortili e sotto gli ulivi, dalle passeggiate tra tratturi e macchia mediterranea alle visite in orti e frutteti. Non solo: dal tardo pomeriggio in poi ci sarà spazio anche per laboratori, letture, prove sportive, spettacoli e giochi anche per i più piccoli.

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: , ,
Continua a leggere questo articolo: