Wise Society : I migliori panettoni del 2021: gli 11 artigianali da provare
ARTICOLI Vedi tutti >>

I migliori panettoni del 2021: gli 11 artigianali da provare

Dal Nord al Sud ecco quali sono i 10 panettoni artigianali più buoni da assaggiare durante le feste. Lasciati ispirare dagli ingredienti e scegli il tuo preferito: lo puoi acquistare anche online!

Mariella Caruso
10 Dicembre 2021

È di nuovo tempo di panettone, dolce riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali come Pat, ovvero Prodotto agroalimentare tradizionale italiano. Dopo aver conquistato tutta l’Italia dal Nord al Sud, il panettone ha varcato i confini nazionali trovando tanti estimatori, a partire dalla Francia, che ha addirittura organizzato a Parigi il Championnat de France du Panettone chiamando in giuria alcuni Maestri italiani. Il concorso francese va ad aggiungersi alle tante competizioni italiane a partire dal Panettone World Championship, manifestazione biennale che nel 2021 è stata conquistata da Sal De Riso, presidente dell’Associazione Maestri Pasticceri italiani.  Insieme a quello di Sal Del Riso, quali sono i migliori panettoni italiani?

Panettone

Foto Shutterstock

I migliori panettoni del 2021

Non ci sono però soltanto i panettoni vincitori di concorsi. Ecco, infatti una lista con i  migliori panettoni, tradizionali e non, del 2021. Qual è il vostro preferito?

Sua Maestà il Milanese di Sal De Riso

C’è un equilibrio perfetto tra la parte aromatica data dai profumi degli agrumi canditi direttamente e della vaniglia Bourbon del Madagascar, la morbidezza e l’umidità ottenuta con una seconda lievitazione in pirottino per 24 ore a 18°, nel panettone classico di Sal De Riso, vincitore della Panettone World Championship 2021. Si può acquistare, con tutti gli altri in assortimento compresi i nuovi Cioccoloso e 3 cioccolati, nei punti vendita Sal De Riso a Milano, Roma, Milano e online su salderisoshop.com

Panettone artigianale classico

Foto Sal

Pesca, amaretto e cioccolato di Olivieri 1882

Pirottino basso, come per tutti gli altri di Nicola Olivieri, e struttura soffice per questo nuovo panettone della pasticceria vicentina che nell’impasto utilizza una quantità di uova importante rispetto agli altri in commercio, burro belga di centrifuga, pesche denocciolata anche fresche, amaretto e cioccolato. Non ha conservanti, semilavorati, aromi o grassi vegetali. Si può acquistare da Olivieri 1882 ad Arzignano, in provincia di Vicenza, nei temporary store di Milano e delle sedi Eataly di New York City, Dallas, Los Angeles e Toronto e nell’e-shop  olivieri1882.com/collections/panettoni.

Migliori Panettoni: Olivieri 1882

Foto di Olivieri 1882

Panettone Gianduia di Pasticceria Martesana 

Preparato con gocce di cioccolato gianduia da Nocciole Piemonte delle Langhe IGP, mandarino candito e burro noisette dal delicato sentore di nocciola è la novità 2021 tra i panettoni della Pasticceria Martesana di Milano. Va ad affiancarsi al tradizionale milanese e al Panetun de l’Enzo con confettura di albicocca e cioccolato fondente. Si può acquistare in tutti i punti vendita milanesi della Pasticceria Martesana, compreso quello del Mercato Centrale, e online nello shop martesanamilano.com/shop/panettoni-e-lievitati/.

Migliori panettoni: al gianduia, di pasticceria Martesana

Foto Pasticceria Martesana

Panettone al pistacchio in purezza di Pasticceria Filippi

La Pasticceria Filippi è una B Corp che produce soltanto grandi lievitati a partire da una pasta madre rinfrescata ogni giorno dal 1972. Il panettone al pistacchio in purezza è appena arrivato. All’impasto arricchito di pasta di pistacchi freschi mediterranei vengono aggiunti pistacchi interi tostati avvolti in un velo di cioccolato bianco. L’attenzione alla sostenibilità è anche nell’incarto realizzato con carta certificata FSC con nastro ricavato dal riciclo di tappi di plastica. Si può acquistare nella Pasticceria di Zanè, in provincia di Vicenza, oppure on line su pasticceriafilippi.it.

Migliori Panettoni: al pistacchio di Filippi

Foto Pasticceria Filippi

Panettone al Mandarino tardivo di Ciaculli e fondente di Di Stefano

Dalla Pasticceria Di Stefano di Raffadali, in Sicilia, arriva il panettone al Mandarino Tardivo di Ciaculli & Fondente. Il loro no a tutto il superfluo ha dato vita a prodotti d’eccellenza come quest’ultimo che, nell’impasto fatto con uova fresche, burro 100% italiano e acqua oligominerale, ingloba scorzette candite di Mandarino tardivo di Ciaculli, presìdio Slow Food, e pepite di cioccolato fondente purissimo. Si può acquistare direttamente in pasticceria a Raffadali e online su pasticceriadistefano.com/negozio.

Panettone al Mandarino di Di Stefano

Foto Di Stefano

Essenza della Nuova Dolceria di Ferla

È un gran lievitato in edizione limitata Essenza della Nuova Dolceria di Ferla nato dal connubio tra agrumi e zafferano. Nell’impasto, che tecnicamente non può definirsi panettone per questione di percentuali di ingredienti, ci sono insieme canditi di limone e mandarino tardivo di Ciaculli con cubetti di gelatina di latte di mandorla. È accompagnato da un vasetto di miele allo zafferano da spalmare su ogni fetta. Si può acquistare nei punti vendita di Ferla e Siracusa della pasticceria e online sunuovadolceriashop.com.

Migliori panettoni: essenza

Foto Nuova Dolceria di Ferla

Focaccia dei templari di Claudio Gatti

Anche la Focaccia dei templari di Claudio Gatti, Presidente dell’Accademia dei Maestri del Lievito Madre e del Panettone, tecnicamente non può definirsi panettone. Si tratta di un grande lievitato pensato e realizzato in versione “salutistica” con pochi zuccheri, un contenuto minimo di grassi, senza conservanti, senza coloranti o aromi. La farcitura è fatta con la cicoria, il cosiddetto “caffè dei poveri” e il Centerbe, digestivo dei monaci dell’abbazia di Chiaravalle della Colomba di Alseno (Piacenza). Si può acquistare alla pasticceria Tabiano di Tabiano Terme o nell’e-commerce store37057373.company.site/.

Migliori panettoni: focaccia dei templari

Foto Pasticceria di Tabiano

Il panettone gianduia a mandarino di Peck

Anche Peck, gastronomia milanese internazionalmente conosciuta, punta su una special edition con una cremosa gianduia al latte e scorze di mandarino candito. Il pastry chef Galileo Reposo, però, la impreziosisce con una glassatura di nocciole piemontesi spezzettate a mano e tostato. Nella box è abbinata una crema al pralinato di nocciola e tartufo bianco da spalmare sulle fette. Si può acquistare nei punti vendita milanesi di Peck e on line su www.peck.it.

Migliori Panettoni: special edition di Peck

Foto Peck

Panettone Langhe di CiaccoLab

Più artigianale non si può. Al suo secondo anno di produzione Stefano Guizzetti affianca al panettone classico e al Black, anche il panettone Langhe, quello al lampone e pistacchio e il pandoro. In particolare nell’impasto del Langhe, oltre al burro piemontese da centrifuga e alle uova fresche biologiche da un piccolo allevatore di Cuneo, aggiunge confettura di mele da una varietà antica e pasta di nocciola di Cravanzana, in Piemonte, insieme a cubotti di gianduia preparati nel suo laboratorio con fondente Costa d’Avorio Marco Colzani e nocciole, la stessa con cui poi glassa la superficie. Si può acquistare nei punti vendita di Ciacco a Parma e Milano e on line su ciaccolab.it.

Panettone Langhe

Foto CiaccoLab

Panettone tradizionale de I Tigli

Da tempo ormai le barriere sono cadute e l’arte dei grandi lievitati non è più soltanto dei pasticcieri. Simone Padoan, che a I Tigli di San Bonifacio sforna pizze capolavoro, realizza anche ottimi panettoni. Per quello tradizionale unisce le sue tecniche di lievitazione al profumo delle scorze di arancia candite di Corrado Assenza e l’aroma dell’uva passa di Zibibbo, lasciata a bagno nel Marsala e miele per due mesi. In superficie una glassatura di mandorle. Si può acquistare a I Tigli di San Bonifacio e online nell’e-shop: pizzeriaitigli.it/il-panettone/.

Panettone Classico de I Tigli

Foto I Tigli

Il classico Pan Bianch di Pinerolo

E’ il panettone basso di Pinerolo che, nel 2021, ha compiuto 100 anni. A riproporre la ricetta originale sfornata per la prima volta nel laboratorio Pietro Ferrua è Sergio Ferrua, che quest’anno ripropone il panettone Pan Bianch in quattro diverse versioni. Fra queste spicca il classico piemontese, rigorosamente basso, con uvetta, canditi e granella di zucchero. La ricetta è quella di un secolo fa, leggermente modificata nei dettagli per rendere il panettone più in linea con i gusti attuali, sia dal punto di vista del sapore che della consistenza.

Pan bianch di Pinerolo

Foto Pan Bianch

Mariella Caruso

Per saperne di più
© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 329 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 15263
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY