Wise Society : La seconda vita degli alberi di Expo
ARTICOLI Vedi tutti >>

La seconda vita degli alberi di Expo

Grazie al lavoro di un gruppo di volontari e al sostegno di alcune aziende, sono stati recuperati 655 alberi che fino al 30 ottobre abbellivano gli spazi di Expo

Fabio Di Todaro
2 gennaio 2016

Salvataggio di una betulla del padiglione della SvizzeraA innescarle è stato l’intento ecologista: salvare gli alberi di Expo per donarli ad alcuni Comuni dove avrebbero potuto continuare a vivere. Primo comandamento: non sprecare. È per merito di 14 volontari, in buona parte donne, che oggi è possibile stilare un bilancio incoraggiante del dopo Expo: 655 gli alberi che fino al 30 ottobre hanno abbellito i singoli padiglioni e che oggi sono stati recuperati e ripiantati altrove. Cui occorre aggiungere cinquanta palme, 659 arbusti, sessanta rose a spalliera, 430 rose paesaggistiche, 3073 erbacee perenni e graminacee. Un bottino dal valore difficilmente quantificabile, che oggi rappresenta la memoria di Expo sul territorio. Buona parte si trova in Lombardia, ma “tracce” verdi della rassegna sono oggi visibili anche a Pesaro.

L’INTUIZIONE – Cosa ne sarebbe stato di tutte le piante che per sei mesi sono state visibili all’interno dei padiglioni? È quanto, già prima che Expo iniziasse, s’è chiesto un gruppo di donne, guidate da Elena Galimberti e Olga Moskvina, un architetto paesaggista da sempre abituato a ragione in quattro dimensioni: «Cosa sarà del verde tra uno, cinque, dieci, cinquant’anni?». Così la professionista, dopo aver lavorato alla realizzazione dei padiglioni di Qatar, Oman e Kip-Onu, s’e attivata per coordinare la procedura di recupero. La domanda più difficile era: dove portare le piante recuperate? Chi pagherà l’estrazione? Su quale bilancio graveranno i costi del trasporto? L’idea di portare le piante nel verde pubblico piaceva alla gente, ma nessuno s’era chiesto fino a quel momento come fosse Le rose rampicanti del padiglione dell'Oman vivono ora in un parco pubblico di Pesaropossibile farlo. Così Olga s’e fatta avanti con il Comune di Pesaro, dove vive. «Bel progetto, ne riparleremo a novembre». Ma l’idea era ormai germogliata e nel corso del semestre ha iniziato a radicarsi. Fino a diventare un piccolo capolavoro.

LUOGHI VERDI IN…MEMORIA DI EXPO – Ogni Comune che ha aderito al progetto “Recupero verde Expo” ha dovuto presentare una mappa dei terreni su cui avrebbe voluto regalare una seconda vita alle piante. Così sono nati i “luoghi di memoria di Expo”. Difficile dire cosa sarebbe stato di questi alberi senza l’intervento di questo gruppo di 14 volontari (oltre alle già citate Olga e Elena ci sono Noemi, Raffaella, Asunción, Silvia, Emanuela, Andrew, Elisa, Laura, Ferdinando, Marco, Carlo e Luca), ben supportato da alcuni rappresentanti di Expo (Giuseppe Sala, Bruno Pasquino, Cristina Martone, Paolo Sabatini), aziende municipalizzate, Paesi donatori (Cile, Qatar, Oman, Russia, Kip-Onu, Regno Unito, Repubblica Ceca, Marocco, Ungheria, Polonia, Austria, Olanda, Francia, Angola, Turkmenistan, Vietnam, Cina e Svizzera). Di sicuro una parte del verde sarebbe stata sicuramente persa sotto le ruspe: soprattutto gli arbusti, le erbacee perenni e le graminacee ornamentali. Anche molti alberi erano destinati a diventare legna da ardere o cippato. Altre piante sarebbero morte per lo stress idrico e termico. Invece oggi tutto ciò, al La felicità di Olga Moskvina dopo il trapianto di alcuni alberi di Expo in un nuovo parconetto di una parte restituita ai Paesi di origine o venduta ai privati, si trova in molti Comuni dell’hinterland milanese (Bollate, Milano, Arese, Rho, Castano Primo, Pioltello, Liscate, Vignate, Baranzate), cui si aggiunge Pesaro. «Abbiamo seminato il dubbio, per favorire scelte pienamente consapevoli, prive di costrizioni. Ed è questo il risultato più importante del nostro operato», racconta Olga. «Non c’è legge che possa portarci a pensare in maniera sostenibile, se non l’esperienza vissuta».

Twitter @fabioditodaro

Il gruppo di volontari che salvano gli alberi di Expo

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Una risposta a La seconda vita degli alberi di Expo

  1. antonello ferla

    quale amministratore di un gruppo immobiliare che fra i vari progetti ha quello della realizzazione di un parco botanico in provincia di varese sarei interessato a collocare molte piante di expo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25190 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1263 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25192 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6950 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25191 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25195 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2584
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY