Wise Society : “Gioca le tue carte”: vincere il bullismo con un kit
ARTICOLI Vedi tutti >>

“Gioca le tue carte”: vincere il bullismo con un kit

Ideato da Matilda editrice in collaborazione con Donne in rete, il gioco nasce con l’obiettivo di stimolare la riflessione sulle cause delle possibili situazioni negative e le strategie per contrastarle

Maria Enza Giannetto
23 novembre 2019

Una serie di giochi da utilizzare con ragazze e ragazzi per trattare temi quali bullismo, cyberbullismo, violenza contro le donne, sessualità, abusi, razzismo, omofobia, discriminazioni. Ideato da Matilda editrice in collaborazione con il comitato di redazione di Donne in rete e con il supporto di molte Associazioni partner di tutt’Italia. È il kit Gioca le tue carte  che nasce con l’obiettivo di stimolare la consapevolezza e la riflessione sulle cause delle possibili situazioni negative in cui ci si può imbattere nell’ambito delle relazioni sentimentali, amicali, familiari. Il kit ha, inoltre, l’obiettivo di stimolare strategie per contrastare le cause delle possibili situazioni negative e di sofferenze emotive.

L’esperienza editoriale comune tra Matilda Editrice e l’Associazione Donne in Rete, gli incontri con insegnanti e, soprattutto, con le giovani generazioni, hanno rilevato quanto forti siano le connessioni fra i vari e molteplici pregiudizi e quanto sia facile, ad esempio, che una fake news possa essere scambiata per vera e produrre così danni irreparabili.

«L’innovazione e l’originalità del progetto – spiegano le ideatrici – consistono nel fatto che ci si è rese conto che i vari temi connessi all’educazione alle differenze, al contrasto agli stereotipi, all’educazione affettiva e alla sessualità sono spesso interdipendenti e l’esperienza ci ha insegnato che è più utile non trattarli a compartimenti stagni; bullismo e violenza nelle varie declinazioni sono collegati tra loro e al contempo associati alla sessualità, alle gravidanze precoci, alle malattie sessualmente trasmissibili, così come la violenza assistita è collegata agli abusi nei più diversi contesti e il bullismo è associato al razzismo e all’omofobia».

Come fare? Come proteggersi? E, soprattutto, quali sono le modalità che possano puntare su un ruolo attivo delle scolaresche? A queste domande risponde Gioca le tue carte. Il kit è stato immaginato, infatti, proprio per individuare le connessioni tra le varie forme di discriminazione e offrire molteplici possibilità per riflettere, prendere coscienza e reagire. Attraverso una forma lieve e uno schema semplice e appassionante, il progetto contiene poliedriche fattibilità e differenti livelli di approfondimento, tali da poter essere declinati in vari contesti e realtà formati

gioca le tue carte, bullismo, kit

Il kit anti-bullismo è composto da un cartellone con due lati, da tre mazzi di carte (ognuno di 40), ossia le carte delle Negatività, delle Opportunità e delle Emozioni. Si gioca con il cartellone delle situazioni che, come nel gioco dell’oca, contiene caselle che indicano situazioni-azioni-stati-sentimenti, Foto: Matilda Editrice

Il progetto grafico e le illustrazioni sono di Stefania Spanò, in arte Anarkikka. Il kit è composto da un cartellone con due lati, da tre mazzi di carte (ognuno di 40), ossia le carte delle Negatività, delle Opportunità e delle Emozioni. Si gioca con il cartellone delle situazioni che, come nel gioco dell’oca, contiene caselle che indicano situazioni-azioni-stati-sentimenti. Ogni carta, negativa o positiva, contiene una parola chiave (o sintagma) allo scopo di stimolare associazioni semantiche tra concetti-situazioni. In questo modo il gioco favorisce l’esplorazione di strategie cognitivo-comportamentali efficaci e funzionali alla situazione che la carta giocata indica. Nelle varie possibilità di gioco previste sono le ragazze ed i ragazzi che, giocando, potranno individuare le cause delle situazioni problematiche indicate sul cartellone. Possono identificarle tra le carte delle Negatività ed approfondire attraverso le carte delle Opportunità le modalità per superare tali circostanze.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 26814 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32573 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12634 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 25891 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31439 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32534 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 28832 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32533 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1537 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 333 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 467 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32572 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2918
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY