Wise Society : Apepak: l’involucro naturale (e non in plastica) per conservare il cibo
ARTICOLI Vedi tutti >>

Apepak: l’involucro naturale (e non in plastica) per conservare il cibo

L'innovativa "pellicola" per cibo 100% naturale, riciclabile ed etica è prodotto con materie biologiche e certificate dalla Cooperativa Sociale Onlus Sonda che impiega persone svantaggiate

Maria Enza Giannetto/Nabu
4 marzo 2019
apepak, plastica, cibo, involucro

Apepak, secondo i suoi fondatori, non è solo un prodotto, ma uno stile di vita ecologico ed etico. Foto: Ufficio stampa Apepak

Si definiscono un gruppo di idealisti (Massimo, Molly, Marica, Matteo, Marco, Daniele) e di pragmatici (Francesca, Aurelia, Arianna, Marta) e, con l’aiuto di 200 famiglie collaudatrici in tutta Italia, sono gli ideatori di Apepak ovvero l’involucro naturale per cibo 100% naturale, riciclabile ed etico. Prodotto con cotone biologico certificato Gots da coltivazione biologica e filiera sostenibile più una miscela di cera d’api, resina di pino e olio di jojoba che lo rendono malleabile, antisettico e termoformante, Apepak nasce come alternativa etica e green alla plastica come materiale per conservare il cibo.

«Di fatto, involucri di questo genere esistevano da tempo sul mercato, ma il merito degli ideatori veneti è stato quello di lanciarli in Italia. «Abbiamo fatto in casa – raccontano sul sito di Apepak, Molly e Massimo (moglie e marito) – le prime pezze con degli scarti di tessuto, per regalarle a Natale ai famigliari, con l’idea di introdurre una piccola nuova abitudine quotidiana nella loro vita». La mission di Apepak è quella offrire soluzioni domestiche a impatto ecologico che possano essere adottate giornalmente e diventare tradizione in famiglia perché solo con il coinvolgimento di tutti è possibile migliorare il futuro del pianeta.

«Dall’eccitamento scaturito da parenti e amici – si legge sul sito – abbiamo pensato fosse importante condividere questa idea con un pubblico più ampio. Siamo sicuri ci siano tantissime persone, che capiscono al volo la differenza tra buttare via un involucro al giorno oppure riutilizzarlo un anno. Dopo un anno e mezzo da quel Natale, lavorando con la Cooperativa Sociale Onlus Sonda sulla ricerca e sviluppo, produzione, fornitori e collaudatori (più di 200 famiglie) è nato Apepak che non è solo un prodotto, ma uno stile di vita ecologico ed etico».

Etico, infatti, anche perché Apepak ha anche una forte valenza di progetto di inclusione e responsabilità sociale. «Abbiamo deciso – spiegano i promotori – di assegnare la produzione a Sonda Società Cooperativa Sociale Onlus che impiega persone con problematiche psico-sociali di diversa natura che, tramite questo lavoro, hanno la possibilità di riguadagnare la propria dignità e il ruolo sociale nella comunità».

Ecco perché, di fatto, ogni volta che si usa Apepak non solo si risparmia all’ambiente un metro quadrato di pellicola di plastica o incarti usa e getta che finirebbero altrimenti in mare; ma si remunerano 30 minuti di lavoro di un socio svantaggiato di Sonda Società Cooperativa Sociale Onlus; si dà valore a tre giorni di lavoro di api da miele italiane e dei loro apicoltori e si sostieni l’agricoltura di cotone da coltivazione biologico a filiera etica.

L’uso dei panni Apepak è semplicissimo: grazie al calore delle mani è possibile termoformare i panni attorno al cibo da conservare o proteggere; i panni di cotone, di disponibili in diverse misure, si lavano in lavatrice e in acqua fredda e hanno una durata di circa un anno. Per il resto, al momento trattandosi di un prodotto e di un laboratorio artigianale, è possibile acquistare Apepak solo sul sito Apepak.it anche se man mano si sta creando una lista di rivenditori autorizzati consultabile sempre sul sito.

apepak, plastica, cibo, involucro

Apepak è l’involucro naturale per cibo 100% naturale, riciclabile ed etico. Prodotto con cotone biologico certificato Gots da coltivazione biologica e filiera sostenibile più una miscela di cera d’api, resina di pino e olio di jojoba, Foto: Ufficio stampa Apepak

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 361 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31352 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31346 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31347 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31348 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 8379 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12556 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31380 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1795 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10246 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31351 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31355 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31353 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31349 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31354 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31350
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY