Wise Society : La sostenibilità non deve essere un limite ma un’opportunità. Ecco l’insegnamento di Yves Béhar
Wise Incontri

La sostenibilità non deve essere un limite ma un’opportunità. Ecco l’insegnamento di Yves Béhar

di di Francesca Vercesi
12 Maggio 2010

Aiutare le persone a vivere meglio è uno dei compiti di un designer. Per questo il progettista svizzero crede nel rispetto per l'ambiente e le risorse e in un modo nuovo di sviluppare le idee

Camera

Yves Béhar è un industrial designer svizzero e fondatore di Fuseproject, un’agenzia di design con sede a San Francisco che si occupa di tecnologia, arredamento, sport, lifestyle e moda. Qualche esempio? Progetti come il primo computer portatile da 100 dollari, il «$100 XO laptop», con l’obiettivo di portare educazione e tecnologia ai bambini poveri del mondo. Altri progetti recenti includono una partnership con «Jawbone», una compagnia leader di telefonia mobile, un progetto di riciclo per Coca Cola e una nuova identità e strategia per la home page di Google. Ha ottenuto più di 150 premi e is suoi lavori sono presenti come collezioni permanenti all’interno di alcuni musei, come il Musée Nationale d’Art Moderne/Centre Pompidou, il MOMA di New York, the Munich Museum of Applied Arts e il Chicago Art Institute. Collabora regolarmente con la casa dei cristalli austriaca Swarovski.

 

Yves Béhar, designerQual è il ruolo che un designer può avere nella società?


Essere un designer oggi significa avere più ruoli. Significa essere innanzitutto un supporto per le necessità della vita quotidiana delle persone e saper anticipare le cose del futuro, soprattutto quelle che possono aiutare a vivere meglio. La sostenibilità è una di queste.

 

Lei ha scelto di vivere negli Stati Uniti e più precisamente a San Francisco. Quanto l’ambiente circostante può essere d’aiuto nello sviluppare le idee e la creatività?


L’ambiente in cui si vive è essenziale per poter rendere l’individuo in grado di esprimere se stesso e le proprie idee. Io vivo a San Francisco, un luogo ricco di tecnologia e di rispetto per l’ambiente, del vivere sano e del mangiare in modo corretto. Sono molto influenzato da luoghi e  persone, anche se il mio backgruond europeo mi fa sempre da filtro. Infine sono un attento osservatore dei cambiamenti del mondo e penso sempre a cosa possiamo fare noi per migliorarlo. A come possiamo partecipare a questo processo, insomma…

 

IM WatchAttraverso il design, si possono aiutare i meno fortunati?


La cosiddetta Design Practice dovrebbe raggiungere chiunque. Perciò cerco di impegnarmi su progetti che servano alla gente. Anche i meno fortunati. In questo senso ho ideato e realizzato diversi progetti frutto di un design che è strumento di promozione sociale. Come i pc portatili a basso costo, One Laptop per Child e i preservativi distribuiti gratuitamente nella città di New York. Infine, l’ultimo progetto, Verien: un paio di occhiali in plastica destinati a correggere i problemi visivi dei bambini messicani. Gli occhiali, prodotti da un’azienda ottica locale, la Augen, sono finanziati dal governo messicano e saranno distributi gratuitamente (400 milasolo nel 2010) per facilitare il rendimento scolastico delle centinaia di migliaia di studenti che nel Paese hanno un deficit di apprendimento proprio a causa dei difetti alla vista.

 

Quali sono i suoi obiettivi per il futuro?


Occorre cominciare a considerare il concetto della sostenibilità non come un limite ma come un’opportunità, anche per riuscire a fare le cose in modo diverso. In altre parole, biosgna cominciare a trovare un modo di pensare differente. Un cambiamento in meglio, più divertente e più creativo.

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: , , ,
Continua a leggere questa intervista:
CONOSCI IL PERSONAGGIO
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 154 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2404 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1217 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 42
Correlati in Wise
 
DALLA COMMUNITY