Wise Society : Filippo Solibello: «Dobbiamo essere cittadini e consumatori responsabili allo stesso tempo»
WISE INCONTRI Vedi tutti >>

Filippo Solibello: «Dobbiamo essere cittadini e consumatori responsabili allo stesso tempo»

Il popolare conduttore di Caterpillar di RadioDue, promotore della campagna "M'illumino di meno", racconta il suo impegno a favore dell'ambiente

Michele Novaga
7 ottobre 2019

Conduttore radiofonico impegnato da anni per la salvaguardia del Pianeta, Filippo Solibello classe 1972, nel 2005 ha inventato e lanciato M’illumino di meno, la campagna sui temi del cambiamento climatico e del risparmio energetico all’interno del programma Caterpillar, di Radio2. Un impegno verso le tematiche ambientali che è proseguito poi con la recente pubblicazione del libro “SPAM Stop Plastica A Mare-30 piccoli gesti per salvare il mondo dalla plastica”.

Wise Society lo ha incontrato mentre invitava oltre 500 partecipanti a firmare l’appello a diventare “Ambasciatori della sostenibilità” durante la settima edizione del Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale.

Come nasce il suo impegno per l’ambiente?

In realtà è sempre stata una passione fin da quando ero piccolo. Diciamo che la scintilla, se così si può dire, scoccò in un momento preciso e cioè dopo la catastrofe di Chernobyl nel 1986. Io ero un ragazzino di 14 anni a quel tempo e improvvisamente scoprì che non potevo più bere il latte e mangiare l’insalata. Da allora è nato un interesse per questi temi e poi ho iniziato a farli diventare qualcosa di più concreto alla radio con Caterpillar e l’iniziativa M’illumino di meno.

M’illumino di meno è stato ed è una iniziativa che ha fatto breccia negli ascoltatori. Quanto è importante che dei comunicatori come voi insistano su questi temi?

E’ fondamentale far diventare di pubblico interesse o mainstream come si dice oggi temi che prima erano più di nicchia. Prima bisognava sforzarsi dieci volte tanto per farli diventare tema di discussione e dibattito o anche di gioco. M’illumino di meno in fondo è nato così ed è importantissimo che se ne parli per far s’ che siano un dibattito quotidiano e non una eccezione o un dibattito per scienziati.

Dal risparmio energetico alla lotta contro il consumo di plastica il passo è breve si potrebbe dire leggendo il suo libro.

Sul risparmio energetico credo di aver detto tutto quello che potevo dire. La nuova emergenza oggi è la plastica che finisce tutta nel mare e che sta soffocando gli Oceani. Nel mio libro faccio un viaggio all’interno di questo mondo scoprendo che parlavo di plastica ma in realtà l’argomento è il modello di società che vogliamo, di modelli di sviluppo per il nostro futuro. Tutti quegli argomenti che oggi sono i temi dei ragazzi che scendono in piazza il venerdì nell’ambito dei Fridays for future.

Nel libro parla di 30 piccolo gesti che ognuno può compiere: quali sono?

filippo solibello, plastica, milluminodimeno, salonecsr

La copertina del libro di Filippo Solibello dedicata alla questione della plastica

Sono piccoli gesti che però hanno un grande impatto. Si va dal fare la raccolta differenziata, a banalmente l’idea di non gettare rifiuti di plastica da nessuna parte tanto meno nei mari. La cosa più importante secondo me è «perché se si è cittadini responsabili con le proprie scelte si possono influenzare gli organi che devono legiferare e governare le società e il cambiamento. Se invece si è consumatori responsabili si da un indirizzo preciso alle aziende e alle multinazionali per andare in una direzione piuttosto che in un’altra.

E la politica? Non ci dovrebbe essere una indicazione a livello politico mondiale sulle decisioni da prendere magari non demandando il tema alle iniziative dei privati cittadini come Greta Thumberg insegna?

Il tema della rappresentanza è fondamentale. Chi da rappresentanza a queste domande? I giovani come quelli che scendono in piazza non hanno nemmeno l’età per votare. Manca in generale un collegamento tra politica e società civile. Ed è sempre stato così nel nostro paese anche se ci sono  alcuni casi positivi che cito nel libro rispetto alla plastica: per esempio l’Italia è stato il primo paese ad aver messo al bando i sacchetti di plastica nel 2016, il primo a proibire i cotton fioc e a mettere al bando le microplastiche dai cosmetici a partire dal primo gennaio dell’anno prossimo. Esempi positivi ancora sporadici. Forse ci vorrebbe una rappresentanza verde più forte anche nel nostro parlamento come avviene per esempio in Germania, all’Austria e al Nord Europa.

Dopo risparmio energetico e dopo la plastica quale sarà il prossimo impegno di Filippo Solibello? Lo vedremo sulle vette alpine per combattere lo scioglimento dei ghiacciai?

Questo è un tema che si lega a quelli di cui abbiamo parlato. Il cambiamento climatico così come lo scioglimento dei ghiacciai sono temi al centro dell’attenzione non solo in questi giorni a seguito delle notizie sul ghiacciaio del Planpincieux in Val d’Aosta che rischia di scivolare verso valle. E’ una emergenza planetaria: anche noi stiamo preparando delle contromosse ma non le possiamo svelare ancora.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questa intervista:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 21926 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9806 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32338 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 31059 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32315 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32270 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 32339 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9530 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 3954 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2391 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1523 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 24541
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY