Wise Society : Aziende a scuola di sport: se lo stress migliora la performance
ARTICOLI Vedi tutti >>

Aziende a scuola di sport: se lo stress migliora la performance

Cosa accomuna il mondo dello sport e quello del lavoro? E cosa può insegnare il mondo sportivo sulla gestione dello stress? Ecco i consigli del coach Gianluca Ferrauto.

Gianluca Ferrauto, coach e consulente per la formazione comportamentale
6 aprile 2020

Fissare i propri obiettivi, raggiungerli e, perché no, superarli stabilendo nuovi record: particolarmente adatta al mondo dello sport, questa frase può altresì descrivere il mondo del lavoro. Le forze in gioco sono diverse, gli obiettivi differiscono ma lavoro e sport hanno un comun denominatore: lo stress.

Approfondiamo questo aspetto e andiamo “a scuola di sport”, scoprendo come migliorare le nostre performance lavorative imparando a gestire lo stress, trasformandolo in qualcosa di positivo.

Atleti che corrono

Foto: Steven Lelham / Unsplash

Sport e azienda: due facce della stessa medaglia

Non è raro trovare (o cercare) parallelismi tra sport e azienda, soprattutto dal punto di vista comportamentale: cosa fanno i manager e cosa fanno, invece, i campioni? Come si comportano i capi azienda e, all’opposto, quali sono i comportamenti del capitano di una squadra sportiva? Quali strumenti utilizzano gli uni e quali gli altri?

In realtà le differenze non sono molte ma una è particolarmente evidente: la preparazione a raggiungere i propri obiettivi. Come nello sport, anche in azienda è opportuno dare pari valore ai ruoli delle persone coinvolte: perché se nello sport ci sono pochi campioni e tanti amatori, in azienda ci sono pochissimi leader, pochi capi ma tanti dipendenti, siano essi operai, quadri o dirigenti.

Cosa differenzia un campione da un dilettante? Impariamo a gestire lo stress 

Coach Gianluca Ferrauto

Gianluca Ferrauto, coach e consulente aziendale

Qual è la caratteristica principale di un campione? Un campione è tale perché fa cose che gli altri non riescono a fare: batte i record di resistenza, corre più veloce, salta più in alto, segna più gol, schiaccia più forte, e così via in base alla disciplina sportiva praticata. Ma a caratterizzare un campione non è solo il record raggiunto, ma anche l’attitudine: il campione vuole ottenere quel risultato e si concentra per tutta la vita per arrivare al momento del trionfo.

E. infatti, un campione vive una routine quotidiana fatta di allenamenti lunghi, duri e faticosi, mangia il giusto seguendo una dieta specifica, non beve e non fuma in modo da poter esprimere al meglio le sue potenzialità durante la gara: 10 secondi o 10 minuti in cui confluiscono 10 anni di allenamento.

Ma cosa succede nella testa di un campione? Un atleta è consapevole delle privazioni e dei sacrifici fatti fino a quel momento: lo stress, in estrema sintesi, è parte integrante del suo vissuto. Tra i grandi talenti di un campione, infatti, c’è la capacità di trasformare lo stress in eu-stress (stress buono) così da avere sempre a disposizione il carburante capace di mantenerlo iperattivo e performante.
Ad aiutare l’atleta in questo percorso ci sono mental coach, medici e staff tecnici qualificati che lavorano per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi e a gestire le fortissime dosi di stress a cui è sottoposto sia a livello fisico che psichico. La verità è che non siamo mai soli e mai riusciremo a diventare campioni da soli.

stress leadership gianluca ferrauto eustress distress come combattere stress coaching ansia e stress

Foto: Aline de Nadai / Unsplash

La gestione dello stress nelle aziende e l’importanza della leadership

In azienda succede grosso modo quello che succede in ambito sportivo. La differenza è una ma sostanziale: in un sistema aziendale non si è mai soli per definizione e anzi, ognuno di noi passa un terzo della vita con colleghi, capi e collaboratori che hanno esigenze diverse, gusti e aspettative diverse. È, quindi, necessaria una leadership che tenga conto di queste diversità. Come nel gioco di squadra sportivo, anche in azienda sono necessarie tre cose:

  1. Obiettivi comuni e condivisi
  2. Ruoli definiti
  3. Regole chiare

Lo stress è multisfaccettato per definizione, così come le cause che lo generano: sul lavoro si può essere stressati per paura di perdere un incarico, per paura di sbagliare, perché ci si sente poco apprezzati e via dicendo. Poiché è impossibile tener conto delle moltissime casistiche, risulta fondamentale condividere i valori fondamentali di un’azienda e fare in modo che tutti vi si possano riconoscere, traendone ispirazione e incoraggiamento. Ma è proprio a questo punto che il paragone col mondo sportivo diventa fondamentale: come nello sport, anche in azienda è possibile ottenere buone performance anche da persone stressate. Lo stress, se consapevole, rende gli individui più attenti, aumentandone la concentrazione.

stress leadership gianluca ferrauto eustress distress come combattere stress coaching ansia e stress

Foto: Markus Spiske / Unsplash

Un leader può aiutare il team a gestire correttamente lo stress

La gestione dello stress nel mondo del lavoro, e in particolare in azienda, non può non prescindere dall’attitudine di un capo o di un leader. Quando scadenze ravvicinate, carichi improvvisi di lavoro e tensioni relazionali producono stress in una squadra, un leader deve agire e, oltre a dimostrare di essere un punto di riferimento, deve dare indicazioni adeguate e puntuali, rassicurando i propri sottoposti. Un capo stressato produce stress, ma un capo con sana tensione creativa agevola il buon lavoro e le buone relazioni, riducendo lo sviluppo dello stress.

Altri consigli di leadership per trasformare lo stress in eu-stress

  1. Organizzare bene il lavoro del team così da poter rispettare le scadenze
  2. Mantenere fede agli impegni e rispettare i tempi
  3. Dare indicazioni precise ai propri collaboratori
  4. Confortare e sostenere il team e, se necessario, aiutare.

Un leader deve mantenere la calma e trasformare in prima persona lo stress in eu-stress: un capo stressato, oltre a perdere di credibilità e affidabilità, genera ansia e stress nei suoi sottoposti. Un’azienda composta da persone stressate è un’azienda malata, e quando si è malati non si lavora bene, si sbaglia, si urla e ci si irrigidisce a scapito degli obiettivi fissati. Un buon leader, quindi, è empatico, attento alle emozioni altrui ma soprattutto capace di controllare le sue.

stress leadership gianluca ferrauto eustress distress come combattere stress coaching ansia e stress

Foto: Danielle MacInnes / Unsplash

8 consigli pratici per gestire correttamente lo stress ed essere buoni leader

Bisogna lavorare molto su se stessi per essere buoni leader, ma esistono alcuni comportamenti che possono aiutare a controllare, ridurre o trasformare lo stress, così da creare un ambiente di lavoro in cui la tensione creativa sia positiva e volta al raggiungimento degli obiettivi. Ecco qualche utile consiglio.

  1. Impara a meditare: che sia mindfulness, training autogeno o tecniche di respirazione, la meditazione permette di concentrarsi sul qui e sull’ora, riuscendo a ritrovare calma e concentrazione
  2. Fai esercizio fisico, così da scaricare la tensione accumulata e mettere i pensieri in prospettiva
  3. Vivi la natura e lasciati da essa tranquillizzare
  4. Fai il possibile per dormire profondamente e bene
  5. Mangia bene, in modo corretto ed equilibrato, evitando cibi e bevande eccitanti
  6. Non dimenticare di frequentare gli amici o, in generale, tutte le persone che ti fanno stare bene
  7. Dai priorità a impegni e obiettivi e rispetta la lista
  8. Non dimenticarti di sorridere.

Gianluca Ferrauto – Coach e consulente per la formazione comportamentale, docente alla RM Moda e Design di Milano

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11286 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 27875 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 10801 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33241 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33150 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 33242 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6781 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 447
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY