Wise Society : Social network, il lavoro passa sempre più da qui
ARTICOLI Vedi tutti >>

Social network, il lavoro passa sempre più da qui

Favorevoli o contrari, bisogna prenderne atto perché si tratta di un trend ormai inarrestabile

Ilaria Lucchetti
25 Gennaio 2013
twitter lavoro self improvement Linkedin formazione facebook lavoro economia web career counseling

foto di Venessa Miemis/flickr

“Social” uguale divertimento e basta? Anni fa si, ma adesso la musica è cambiata. Da tempo, infatti, le principali piattaforme di networking online sono soggette a una sorta di mutamento genetico. E da luoghi del “cazzeggio” quali erano, Facebook in testa, stanno virando verso nuove identità, sempre più orientate alla sfera lavorativa.

Oltre alle aziende, quasi tutte dotate di pagine e profili per mettere in vetrina prodotti e servizi, sono tante anche le categorie professionali che sfruttano la visibilità dei social al fine di fare business. Imprenditori, commercianti, gestori di ristoranti, locali pubblici e alberghi. Ma anche liberi professionisti, comunicatori e giornalisti. Perfino le farmacie, pur di allargare e fidelizzare il giro dei clienti, inviano richieste di amicizia ai loro contatti.

Non che la metamorfosi in atto accontenti tutti. Anzi. Chi preferiva Twitter e Facebook alla vecchia maniera, corre ai ripari creandosi profili “alias” dove dare sfogo al divertimento fine a sè stesso.

Ma il futuro sembra segnato, almeno stando a quanto già accade all’estero. Linkedin a parte, nato come network professionale, negli Usa e in Gran Bretagna è infatti consuetudine ormai acquisita dei selezionatori (91% dei casi) quella di spulciare i profili dei candidati per trarre informazioni utili a un’eventuale assunzione.

E da noi le cose stanno prendendo la stessa piega. Come scrive Economia Web, il 40% delle aziende italiane usa i network per valutare e per scegliere l’organico. Soprattutto quelli storicamente inclini a raccogliere informazioni personali perché proprio da lì si riescono a ricavare i ritratti più genuini.

Attenzione e cautela, allora, sono d’obbligo. Perché una foto, un post e un tweet azzeccati possono essere il viatico per trovare lavoro. O, viceversa, l’autogol che compromette impegno e sacrifici.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6554 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 16427 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 16425 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1816 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 12685 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 7967 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 16426
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY