Wise Society : Il più bel lavoro del mondo 2012-2013

Il più bel lavoro del mondo 2012-2013

di Ilaria Lucchetti
16 Novembre 2012
SPECIALE : Economia del benessere

La sfida è alla terza edizione e quest'anno include anche un premio speciale dedicato all'accesso e all'utilizzo sostenibile della risorsa "energia"

sviluppo sostenibile responsabilità sociale dImpresaGDF SUEZ Energia Italia e Make a Change – la prima organizzazione italiana per lo sviluppo del business sociale – hanno firmato un accordo di collaborazione per dare impulso all’edizione di quest’anno di “Il più bel lavoro del mondo“, un’iniziativa volta a favorire nuovi progetti di imprenditoria sociale.

Ma in che modo? I nuovi imprenditori, quelli in grado di esprimere un’idea di business che crei ricadute sociali positive sulla realtà che li circonda, non vengono soltanto selezionati, ma anche affiancati da una rete di team professionali, finanziari e industriali che li supporta nell’avvio del progetto.

Quest’anno poi, grazie alla partnership con GDF, la squadra vincitrice potrà contare anche su un grant di 30 mila euro. Inoltre, è previsto il premio speciale “Energie per te. Energie per tutti” che sarà vinto dalla start-up capace di convogliare al meglio le energie verso coloro che ne hanno più bisogno. Chi si aggiudicherà la versione italiana di questa competizione parteciperà poi alla gara internazionale “GDF SUEZ Rassembleurs d’energies”, nata con l’obiettivo di finanziare progetti innovativi per un accesso facilitato all’energia e per un suo uso sostenibile.

Venendo alle informazioni più pratiche, è utile sapere che ci si può iscrivere entro il 21 dicembre 2012 nel sito di Make a Change dove poi andrà caricato il progetto che si vuole candidare. Quindi, saranno scelti i gruppi finalisti che nei due mesi successivi verranno coadiuvati da un team apposito per la stesura del business plan operativo e della presentazione finale. Infine, il 21 marzo 2013 chiuderanno le consulenze di affiancamento e di coaching per le squadre giunte in finale.

© Riproduzione riservata
Altri contenuti su questi temi: ,
Continua a leggere questo articolo: