Wise Society : Energia e solidarietà dall’acqua: la Csr parte dal basso
SPECIALE : La guida per conoscere l’acqua
ARTICOLI Vedi tutti >>

Energia e solidarietà dall’acqua: la Csr parte dal basso

Il sito www.acqua.eon.it, dedicato al tema della produzione di energia idroelettrica, ha raccolto in due mesi diecimila click per realizzare quattro pozzi in Africa. La promozione del progetto è partita dai dipendenti che sono diventati promotori di una causa sociale

Francesca Tozzi
17 giugno 2013

www.acqua.eon.itUn luogo virtuale dedicato alla valorizzazione dell’acqua come fonte di energia pulita ma anche uno strumento per favorire l’accesso a questa preziosa risorsa nei Paesi dove più scarseggia. È il sito web www.acqua.eon.it realizzato da E.On, sito che in due mesi ha raggiunto diecimila click per realizzare quattro pozzi in Africa nell’ambito del progetto “Più click, più acqua”. Nato per educare e coinvolgere la comunità pubblica, gli opinion leader e soprattutto i giovani sull’importanza dei benefici ambientali e industriali provenienti dall’energia idroelettrica, ha consentito al gruppo di sostenere la realizzazione di pozzi d’acqua in Kenya, nel distretto di Makueni, insieme ad Amref la principale organizzazione sanitaria privata senza fini di lucro presente in Africa Orientale.

Un’iniziativa di comunicazione sociale che dall’intranet aziendale è arrivata ai social network. La promozione del progetto è, infatti, partita dai dipendenti che sono diventati promotori di una causa sociale. D’altra parte la responsabilità sociale d’impresa è sempre più sotto la lente d’ingrandimento del web. Come è emerso nel corso dell’ultimo Csr Italian Summit, le opinioni che si formano in Rete a volte si trasformano in veri e propri movimenti che riguardano centinaia di persone. Un esempio recente viene dal settore dell’abbigliamento che, in seguito al crollo di una fabbrica in Bangladesh, è stato messo sotto accusa per i morti e per le condizioni di lavoro degli operai tessili. L’attenzione della comunità internazionale ha spinto molti dei brand coinvolti a promettere maggiori controlli sulla catena di fornitura.

Salva

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 374 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1300 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6922 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 20990 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 11537 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 30 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 13242 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1183 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1384
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY