Wise Society : Al via Start Cup: concorso per progetti di impresa ad alto contenuto tecnologico

Al via Start Cup: concorso per progetti di impresa ad alto contenuto tecnologico

di da Il Sole 24 Ore del 22 marzo 2011
25 Marzo 2011

Prende il via l’edizione 2011 dell’iniziativa finalizzata a favorire la nascita di nuove realtà imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico a partire dai migliori risultati della ricerca italiana. Quest’anno la partecipazione viene estesa anche ad altri enti pubblici di ricerca

Rosebud business solutions is a boost for businesses, foto di Lancashire County Council/FlickrFar sbocciare imprese hi-tech nuove di zecca da idee nate nei laboratori della ricerca pubblica. Questa la scommessa, già vinta con successo l’anno scorso, del concorso Start cup Cnr – Il Sole 24 Ore che, per la seconda edizione, ha deciso di alzare la posta: da quest’anno l’invito a presentare business plan e progetti è rivolto a tutti i ricercatori degli enti pubblici di ricerca, non solo quelli del Cnr, che sognano di diventare imprenditori.
Il premio 2011 è stato presentato a Roma durante la due giorni di Emerging companies, la manifestazione con la quale il Consiglio nazionale delle ricerche e la sua società di trasferimento tecnologico Rete ventures punta a far emergere le attività di ricerca che guardano al mercato. Anche quest’anno la promessa della nuova Start cup è quella di mettere in vetrina i migliori progetti di impresa aiutandoli a trovare partner e investitori in grado di farli camminare con le loro gambe sul mercato. È quello che già stanno facendo otto progetti in fase avanzata, tra i circa 40 in gara l’anno scorso, che sono diventati o stanno per diventare aziende a tutti gli effetti. Storie di successo come quella del progetto Tessuti ceramizzati, tra i vincitori del 2010, che ha inventato stoffe che si autopuliscono senza bisogno di detersivi e che ora sta definendo un accordo di collaborazione con un imprenditore del settore. Già sul mercato è Quipu che ha vinto l’anno corso con un progetto sull’uso in medicina dei sensori già impiegati nei videogiochi. In rampa di lancio è anche Amolab pronto a lanciare sul mercato i suoi innovativi dispositivi per il monitoraggio delle partorienti che promettono di rivoluzionare il lavoro dei medici nelle sale parto.

I termini di scadenza per chi vuole partecipare sono il prossimo 30 aprile (per il concorso di idee) e il 30 giugno (per i business plan). Per farsi avanti basterà seguire le indicazioni del bando pubblicato sul sito www.startcup.cnr.it. I tre vincitori assoluti per area geografica (Nord, Centro e Sud) saranno premiati durante il festival della scienza di Genova di fine ottobre. I primi cinque progetti classificati per area geografica saranno poi ammessi di diritto al Pni 2011: il prestigioso premio nazionale per l’innovazione che l’anno scorso è stato vinto dal progetto Amolab. «Questa iniziativa conferma il grande potenziale della ricerca pubblica» spiega Manuela Arata del Cnr e madrina del premio «e ora diamo il benvenuto agli altri enti di ricerca che si uniscono a questa seconda start cup dandogli ancora più prestigio».

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1252 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6178 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 297 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 2303 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 6256
Correlati in Wise
 
DALLA COMMUNITY