Wise Society : Le buone abitudini per combattere la sindrome del colon irritabile
CONSIGLI Vedi tutti >>

Le buone abitudini per combattere la sindrome del colon irritabile

Francesca Tozzi
21 Febbraio 2021

Pancia gonfia, meteorismo, transito intestinale rallentato o accelerato, fastidio se non addirittura dolore: il nostro intestino è come un secondo cervello che reagisce in tempo reale a tutti gli stimoli esterni cui siamo sottoposti nel quotidiano. Questo vale in particolare per gli stimoli negativi e per le persone con intestini molto reattivi, quelle che soffrono della cosiddetta “sindrome del colon irritabile“.

Mal di pancia per sindrome da colon irritabile

Foto di Ava Sol / Unsplash

Come ridurre la sintomatologia della sindrome da colon irritabile

Ci teniamo a precisare che ogni caso va trattato a parte con la consulenza di un medico, ma ci sono alcune semplici regole che semplificano la vita a chi soffre di questo fastidioso disturbo. Le buone abitudini, infatti, possono aiutare il nostro intestino a stare meglio, e noi con lui!

1. Riduzione dello stress

La componente emotiva è importantissima quindi, se non si può cambiare vita, si può almeno cercare di ridurre lo stress soprattutto nel momento dei pasti, mangiando con calma ad orari regolari, masticando bene ogni boccone, evitando di fare altro mentre si mangia (chiacchierare senza sosta, leggere, parlare al telefono). In questo senso, la cosiddetta mindful eating può aiutarci a vivere meglio e ad alimentarci con la giusta consapevolezza.

2. Combattere l’infiammazione intestinale

Occhio all’alimentazione: alcuni alimenti possono infiammare l’intestino se si è predisposti. Quindi può essere utile scoprire eventuali intolleranze alimentari per procedere a un programma di rieducazione: chi tollera male gli alimenti che contengono glutine, lattosio, lieviti e uovo, tanto per parlare delle intolleranze più diffuse, non deve eliminarli ma assumerli in modo controllato per riabituare l’organismo.

3. L’importanza di una dieta varia

Variare la dieta il più possibile è un modo per dare al corpo tutti i nutrienti di cui ha bisogno ma anche una strategia efficace per prevenire le intolleranze da accumulo. Per esempio, la pasta può essere alternata al riso o ad altri cereali come il kamut, l’orzo e il grano saraceno.

piatto unico sano

Foto di Vicky Ng / Unsplash

4. Non dimenticarsi di assumere cibi ricchi di fibre

Le fibre alimentari non devono mai mancare nella dieta e nell’alimentazione quotidiana. Sarebbe meglio optare per la fibra idrosolubile come quella contenuta nella frutta e nei legumi; non esagerare, invece, con i cibi integrali.

5. Evitare alcune categorie di cibi e bevande

Per alleviare i sintomi della sindrome da colon irritabile sarebbe bene limitare il più possibile le bevande gassate e non esagerare con quelle a base di caffeina, che possono stimolare eccessivamente il colon. Occhio alle spezie e ai cibi piccanti.

6. Sì ad acqua, tisane e fermenti lattici

Via libera all’acqua e alle tisane, alternando quelle con funzione antinfiammatoria, come la malva, a quelle che facilitano l’espulsione dei gas intestinali come il finocchio. L’assunzione di fermenti lattici a cicli può aiutare l’intestino a riequilibrarsi, rimpinguando la flora batterica buona e combattendo, di conseguenza, i sintomi della sindrome da colon irritabile.

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9925 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9931 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9930 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9928 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 299 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 9927
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY