Wise Society : Guida al corretto uso dell’acqua potabile
CONSIGLI Vedi tutti >>

Guida al corretto uso dell’acqua potabile

20 Maggio 2010

Kit acqua disegno
L’acqua degli acquedotti italiani in genere è ottima. Se hai qualche dubbio, puoi acquistare un test fai da te, in vendita al pubblico a 10 euro la scatola, che misura i parametri di legge: il pH, la durezza, i nitriti, i nitrati, i cloruri e i solfati ([email protected])

Il PH serve a misurare l’acidità: deve essere neutro, ossia aggirarsi intorno a 7

La durezza dell’acqua indica la presenza di calcare. Le acque più calcaree sono più pesanti, ma non nocive per la salute. Bere un’acqua più dura significa assimilare una sostanza più ricca di sali e dal maggiore potere dissetante. L’ideale sarebbe alternare acque con diversi livelli di durezza: d’estate un’ acqua un po’ più ricca di sali minerali per evitare di prendere integratori e d’ inverno un acqua meno dura.

Se l’acqua odora o sa di cloro va messa in una brocca e lasciata decantare per un’ora. Il cloro evaporerà senza lasciare traccia..

Se usi l’addolcitore, la brocca che filtra l’acqua, fai attenzione: se ad esempio si utilizzano addolcitori mal tarati o non si seguono perfettamente i tempi di sostituzione delle cartucce, si può rischiare di addolcire troppo l’acqua e arrivare addirittura a bere acque quasi distillate che, visti i valori troppo bassi di durezza, non sono consigliabili.

 

© Riproduzione riservata
Continua a leggere questo articolo:
Link Sponsorizzati
COMMENTA NELLA COMMUNITY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1172 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 1862 OR  wp_term_relationships.term_taxonomy_id = 329
CORRELATI IN WISE
 
DALLA COMMUNITY